item-thumbnail

Vaccini, Grillo: studenti tra 6 e 16 anni a scuola già con Lorenzin, Cambia sanzioni per materne

di redazione

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, torna ancora una volta sul tema dei vaccini.

Ribadisce in un’intervista al Corriere della Sera il concetto già espresso sulla sua pagina Facebook.

I bimbi non vaccinati tra i 6 e i 16 anni entravano a scuola anche a legge Lorenzin invariata. L’obbligo rimane per tutti e 10 i vaccini individuati dalla norma. Cambia la sanzione per materne e asili nido, perché riteniamo che la coercizione non possa essere l’unico strumento a disposizione di uno Stato per raggiungere le ultime sacche di contrari“.

Basta con le strumentalizzazioni

Poi torna a prendersela contro chi strumentalizza la situazione e punta il dito soprattutto su chi tira i ballo i bambini immunodrepressi. “C’è chi strumentalizza i bambini immunodepressi. Raggiungere le soglie del cosiddetto effetto gregge  – ha proseguito il ministro alla Salute – è determinante. Occorre però un monitoraggio sistematico, possibile solo con l’Anagrafe nazionale da me fortemente voluta. Questo perché le soglie sono diverse a seconda delle malattie e perché il recupero di copertura ottenuto lo scorso anno non ha intaccato le differenze territoriali“.

Il ministro ha poi ribadito il concetto di non voler scardinare il decreto Lorenzin e ha ricordato: “Da tempo l’Oms ha raccomandato ai Paesi membri di dotarsi di una strategia globale per contrastare la diffidenza verso le vaccinazioni. Tra le principali azioni di contrasto, il monitoraggio costante delle coperture e dei motivi delle mancate vaccinazioni e lo studio delle motivazioni alla base del comportamento dei soggetti esitanti. La frettolosa approvazione del decreto 73 ha invece, di fatto, trascurato queste raccomandazioni“.

Sensibilità diverse, nessuna divisione

Nessuna spaccatura, a detta del Ministro, all’interno del Movimento cinque stelle sul tema vaccini. “Non è una spaccatura sono sensibilità diverse su un argomento delicato. Siamo un movimento bello grosso“.

Condividi:

Argomenti: