item-thumbnail

UIL: oltre 57.000 nomine in ruolo, di cui 13.000 sul sostegno anche dalle nuove graduatorie

di redazione

UIL – Il Miur ha inoltrato al MEF la richiesta di autorizzazione per 57.322 nomine in ruolo di personale docente.

Di queste oltre 13.000 saranno sul sostegno: è quanto comunicato oggi dal ministero nel corso di una informativa alle organizzazioni sindacali sulle prossime nomine in ruolo per il personale  docente.
Per il personale ATA e personale educativo bisognerà attendere l’esito dei movimenti.  Comunque, per questo personale l’amministrazione è orientata a coprire il turn over.

Dopo l’autorizzazione da parte del MEF ci sarà un incontro specifico per l’informativa  sul contingente definitivo, diviso per ogni singola provincia.

Durante l’incontro è stato approfondito anche il tema delle istruzioni operative a cui dovranno attenersi gli Uffici scolastici regionali (in particolare l’allegato A).

La novità per il 2018/19 riguarda lo scorrimento delle nuove graduatorie di merito del concorso regionale riservato al solo personale abilitato della scuola secondaria di secondo grado.

Nell’anno scolastico 2018/19 inizierà infatti lo scorrimento delle graduatorie del nuovo concorso.
Le immissioni in ruolo continueranno ad essere effettuate per il 50% dalle graduatorie ad esaurimento e per il 50% da concorso 2016. Laddove le graduatorie del concorso 2016 dovessero essere esaurite e le graduatorie definitive del nuovo concorso 2018 già pronte, si potrà assumere da queste ultime, sempre nel rispetto dell’aliquota del 50%.

Le graduatorie del nuovo concorso regionale valide da cui eventualmente attingere per le immissioni in ruolo sono quelle pubblicate entro e non oltre il 31 agosto 2018. Di conseguenza, le procedure concorsuali che non saranno completate entro tale data, avranno validità dall’anno scolastico 2019/20.

Il dettaglio della notizia on line sul sito Uil scuola:
http://uilscuola.it/vista-oltre-57-000-nomine-ruolo/

Ministero firma decreto per 57.000 assunzioni docenti, oltre 9.000 per gli ATA. Ecco i posti liberi

Condividi: