item-thumbnail

TFR, Petizione abolizione trattenuta del 2,5%

di redazione

Avviata su Change.org. una petizione relativa alla trattenuta del 2,5% sul TFR. 

Ricordiamo che la diatriba sulla succitata trattenuta, come illustrato dal sindacato Anief, nasce in seguito all’Accordo Nazionale Quadro firmato il 29 luglio 1999 per armonizzare il sistema delle liquidazioni del settore pubblico a quello privato. Tale Accordo è stato recepito nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) il 20 dicembre del 1999 e prevede che soltanto i lavoratori pubblici assunti dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DPCM – maggio 2000 – passino dal regime più favorevole di trattamento di fine servizio (TFS) con aliquota 9,60 con la trattenuta a titolo di rivalsa del 2,5% a regime privatistico di trattamento di fine rapporto (TFR) con aliquota 6.91 regolato dall’articolo 2120 del Codice civile, interamente a carico del datore di lavoro, con la cessazione apparente della trattenuta (art. 1, comma 1), salvo poi con il ripristino della stessa trattenuta del 2,5% (art. 1, comma 3), invece assente nel settore privato.

Con la Petizione si chiede di:

1. Rivedere l’accordo Aran e Sindacati del 1999 che ha recepito il principio dell’invarianza retributiva;

 2. Stabilire l’ampliamento della base di calcolo del Tfr ed eliminare ogni ingiusta trattenuta;

 3. Ridurre i tempi di pagamento del Tfs e del Tfr adeguandoli a quelli del privato. Attualmente i tempi di pagamento decorrono dopo due anni a regime ordinario e fino a cinque anni andando in pensione utilizzando il cumulo pensionistico o l’Ape Social o per i lavoratori precoci.

Vai alla Petizione

Condividi:

Argomenti: