item-thumbnail

TFA sostegno, ecco il meccanismo delle prove: per numerosi docenti sarà il secondo tentativo

di redazione

TFA sostegno, chi ha superato la preselettiva nell’a.a. 2018/19 ma non è rientrato nel numero dei posti a disposizione dell’Ateneo dovrà rifare la prova dell’a.a. 2019/20. 

Come funziona l’accesso al corso TFA sostegno

Le prove da superare per l’accesso sono tre:

test preselettivo – prova scritta – prova orale.

Accede alla prova scritta solo chi supera il test preselettivo, accede alla prova orale solo chi supera la prova scritta.

Le prove di accesso sono predisposte dai singoli Atenei su un programma comune di riferimento.

Il test preliminare

Il test preliminare è costituito da 60 quesiti formulati con cinque opzioni di risposta, fra le quali il candidato ne individua una soltanto. Almeno 20 sono volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana.

La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la mancata risposta o la risposta errata vale O(zero) punti. Il test ha la durata di due ore.

E’ ammesso alla prova scritta un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili nella singola sede per gli accessi. Sono altresì ammessi alla prova scritta coloro che, all’esito della prova preselettiva, abbiano conseguito il medesimo punteggio dell’ultimo degli ammessi.

Pertanto, non c’è una soglia di sufficienza, né un punteggio minimo con il quale si supera la prova. A stabilire chi accederà alla prova scritta in quell’Università è il candidato più bravo, quello che realizza il punteggio più alto.

Lo scorso anno si è verificato il caso di docenti che sono stati bocciati alla preselettiva con 27/30 e casi in cui con zero punti è stato conquistato il diritto alla prova scritta.

A fare la differenza in questo caso non solo il voto più alto, ma anche il numero dei posti a disposizione per ogni grado di scuola.

La prova scritta e la prova orale

Si superano al raggiungimento di 21/30.

Chi sono i docenti idonei

Ricordiamo che il docente può partecipare a tutte le selezioni per le quali ha  titolo di accesso (infanzia, primaria, secondaria I grado, secondaria II grado). Qualora risulti vincitori per più gradi di scuola dovrà sceglierne uno.

I docenti che hanno superato tutte le prove ma non sono rientrati nel corso perchè collocati in graduatoria oltre il numero dei posti messi a bando, sono i cosiddetti idonei.

Gli idonei parteciperanno al TFA V ciclo in soprannumero, senza lo svolgimento delle prove preselettive.

I docenti che invece hanno superato la preselettiva ma non la prova scritta dovranno iniziare l’iter di selezione di nuovo dal test.

I requisiti di accesso

N.B. Non è più titolo di accesso laurea + 3 anni di servizio, utilizzato solo in fase transitoria per l’a.a. 2018/19

Il numero dei posti a disposizione

Le Università devono comunicare il massimo potenziale entro il 6 dicembre. La base è 14.000 posti + 7.000 idonei. Non sappiamo ancora se saranno aggiunti nuovi posti.

Corso di preparazione al TFA sostegno. Approfitta del prezzo lancio

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: