item-thumbnail

Supplenze sostegno, graduatorie incrociate. Come funzionano

di Nino Sabella

Lo scorrimento incrociato delle graduatorie avviene nel momento in cui non sia possibile, nella scuola secondaria, attribuire una supplenza su posto di sostegno a docenti specializzati sia dagli elenchi delle GaE sia da quelli delle graduatorie di istituto sia tramite MAD.

Vediamo in questa scheda come si nomina da graduatorie incrociate, ricordando dapprima l’ordine di attribuzione delle supplenze su sostegno.

Ordine attribuzione supplenze su sostegno

Le supplenze su sostegno vengono attribuite nel seguente ordine:

  1. docenti specializzati degli elenchi delle GaE;
  2. docenti specializzati degli elenchi delle graduatorie di istituto della scuola in cui si verifica la disponibilità;
  3. docenti specializzati degli elenchi delle graduatorie di istituto delle scuole viciniori;
  4. docenti specializzati da domanda di messa a disposizione;
  5. docenti non specializzati delle graduatorie di istituto.

Esaurimento elenco I fascia graduatorie di istituto scuola secondaria II grado

Ricordiamo che gli elenchi di sostegno della prima fascia delle graduatorie di istituto (come delle GaE) sono suddivisi in quattro aree disciplinari (al prossimo aggiornamento delle GaE e della I fascia delle GI, previsto per il 2018/19, si formerà un elenco unico).

In caso di esaurimento  dello specifico elenco dell’area disciplinare su cui debba disporsi la nomina, si procede tramite lo scorrimento incrociato degli elenchi di sostegno delle altre aree.

Lo scorrimento incrociato avviene secondo le medesime modalità  che saranno descritte di seguito in merito alle graduatorie (di istituto).

Supplenze su sostegno a docenti non specializzati

In caso di esaurimento degli elenchi degli specializzati delle GaE e delle graduatorie di istituto (anche quelli delle scuole viciniori) e di nessuna domanda di messa a disposizione di insegnanti forniti di titolo, la supplenza su posto di sostegno va attribuita a docenti non specializzati delle graduatorie di istituto della scuola in cui si verifica la disponibilità del posto.

Al riguardo bisogna fare una distinzione tra le graduatorie dei docenti di scuola dell’infanzia/primaria e quelle dei docenti di scuola secondaria.

Graduatorie infanzia/primaria

Lo scorrimento incrociato delle graduatorie non riguarda la scuola dell’infanzia e primaria, perché tutti gli aspiranti confluiscono in una sola graduatoria, in quanto non vigono le classi di concorso.

In tal caso, pertanto, i dirigenti scolastici individuano gli interessati mediante lo scorrimento della graduatoria di riferimento:

  • graduatoria di istituto-infanzia della scuola in cui si verifica la disponibilità, se si tratta di un posto in tale segmento;
  • graduatoria di istituto-primaria della scuola in cui si verifica la disponibilità, se si tratta di un posto in tale ordine di scuola.

Graduatorie scuola secondaria di I e II grado

In caso il posto da assegnare a docenti non specializzati riguardi la scuola secondaria di primo o secondo grado, è necessario ricorrere allo scorrimento incrociato delle graduatorie. Questo perché i docenti della secondaria non si trovano in un’unica graduatoria di istituto, ma in distinte graduatorie a seconda della classe di concorso di appartenenza (ad esempio scuola media: A22, A28, A30, A60 …).

Lo scorrimento incrociato delle graduatorie di istituto deve avvenire secondo l’ordine prioritario di fascia, ossia prima si incrociano le graduatorie di I fascia, poi di II e infine di III.

In pratica viene a formarsi una graduatoria unica (di prima, seconda o terza fascia) in cui confluiscono tutti i docenti delle diverse classi di concorso, che verranno graduati in base al punteggio riportante nelle rispettive graduatorie di appartenenza.

E’ chiaro che un docente presente per due c28lassi di concorso (esempio A01 e A60) sarà considerato per quella in cui ha maggior punteggio.

Esempi

Esempio 1:

– si deve attribuire una supplenza di sostegno a docenti non specializzati della scuola media X;

– le graduatorie di prima fascia delle varie classi di concorso sono esaurite solo per la A22 e la A60;

– si incrociano le graduatorie di I fascia di tutte le altre classi di concorso (A29, A01, A25, A49…); in pratica si forma un’unica graduatoria in cui confluiscono tutti i docenti delle varie classi di concorso della prima fascia, escluse le predette A22 e A60 (perché esaurite);

– la supplenza è attribuita dalla I fascia al docente con maggior punteggio.

Esempio 2:

– si deve attribuire una supplenza di sostegno a docenti non specializzati della scuola media X;

– le graduatorie di prima fascia delle varie classi di concorso sono tutte esaurite;

– si incrociano le graduatorie di II fascia delle varie classi di concorso (A29, A01, A25, A49, A22, A60 …);  in pratica si forma un’unica graduatoria in cui confluiscono tutti i docenti delle varie classi di concorso della seconda fascia;

– la supplenza è attribuita dalla II fascia al docente con maggior punteggio.

Punteggio

Il punteggio conseguito nel corso dell’anno scolastico va assegnato alla graduatoria della classe di concorso dalla quale si viene nominati.

I nostri articoli sulle supplenze:

Supplenze, sanzioni per la rinuncia o mancata presa di servizio

Supplenze sostegno: chi è obbligato ad accettarle, elenchi di assunzione e MAD. Le info utili

Supplenze 2018/19, abolito divieto per docenti e ATA con oltre 36 mesi di servizio

Supplenze annuali e al 30/06: graduatorie di assunzione, assenza convocazione o rinuncia, sanzioni

Supplenze 2018/19, circolare Miur. Accettare o rinunciare alla proposta, messa a disposizione, sanzioni, priorità legge 104

Condividi:

Argomenti: