item-thumbnail

Stipendio supplenti, Miur: fondi presenti nei capitoli di spesa. Ritardi da attribuire a NoiPa

di redazione

Nell’incontro svoltosi al Miur, nella giornata del 5 dicembre 2017, dedicato alla sottoscrizione dei CCNI riguardanti il personale comandato/utilizzato presso gli uffici del Miur, si è parlato anche del pagamento degli stipendi ai docenti precari.

Continuano, infatti, a verificarsi dei ritardi, nonostante la procedura adottata con il DPCM 31 agosto 2016 n. 241, che avrebbe dovuto garantire il pagamento dello stipendio al massimo entro 30 giorni dalla fine del mese in cui è stato svolto il servizio.

Il  Miur, come riferisce la Flc Cgil, ha comunicato ai sindacati di aver svolto i compiti di propria competenza, ossia l’effettuazione dell’ultimo decreto di riparto e la relativa trasmissione al Mef per le liquidazioni mensili. Pertanto, le disponibilità dei fondi sono presenti nei rispettivi capitoli di spesa.

I ritardi, dunque, sono da attribuire a NoiPA che, a detta del Ministero, non riesce ad elaborare tutti i contratti  nei tempi previsti.

Ricostruzione carriera, presentazione domanda online facoltativa. Entro fine settimana nota Miur

Condividi: