item-thumbnail

Stipendio marzo, oggi nel conto. Troppe tasse, insegnanti delusi

di redazione

Altra delusione per gli insegnanti: anche il mese di marzo presenta per alcuni una pesante decurtazione. 

Cominciano infatti le detrazioni per le addizionali comunali e regionali, che si protrarranno fino a novembre 2019.

Le addizionali regionali e comunali sono quote aggiuntive di imposta, calcolate sullo stesso imponibile dell’Irpef base e applicate in base al comune e alla regione di residenza.

Le ritenute per le addizionali comunali e regionali sono applicate nell’anno successivo a quello di riferimento, in nove rate da marzo a novembre.

Non si prevedono aumenti di stipendio

Non ci sono all’orizzonte aumenti di stipendio. Il Ministro Bussetti, pur riconoscendo l’urgenza della materia, non lascia speranze.

E così bisognerà accontentarsi dei pochi euro di indennità di vacanza contrattuale che saranno erogati a partire dal mese di aprile, con un altro piccolo aumento a luglio.

Supplenti con incarico temporaneo

Per i supplenti con incarico temporaneo, che siano rientrati nell’emissione speciale del 18 marzo, l’accredito avverrà il 27 marzo.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: