item-thumbnail

SFP: in ginocchio per risollevare la scuola

di redazione

Coordinamento Nazionale di Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento – Il Coordinamento Nazionale di Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento domani, lunedì 30 luglio, scende in piazza di Montecitorio a Roma, dalle ore 10.00 alle ore 13.00.

Insegnanti laureati e studenti in SFP chiedono a gran voce che venga valorizzata la loro professionalità e che venga data loro la possibilità di partecipare al concorso straordinario previsto dall’emendamento, votato dalla maggioranza, al decreto dignità.
La scuola è messa in ginocchio da un concorso non selettivo, da cui sono praticamente esclusi i laureati in SFP Nuovo Ordinamento. Gli studenti della scuola primaria hanno diritto ai migliori insegnanti possibili: una scuola di qualità seleziona i migliori insegnanti per crescere i migliori cittadini possibili!
Un centinaio di studenti e laureati si metteranno in ginocchio non per supplicare qualcuno, ma per dimostrare con un gesto forte e umile che la cultura viene messa ai margini della scuola. Clicca qui per vedere la locandina.
Chiediamo:
– di rendere selettivo il concorso straordinario;
– di rimuovere il limite dei 24 mesi di servizio per i laureati (che hanno già affrontato 4 anni di tirocinio attivo);
– accesso con riserva al concorso straordinario per i laureandi in Scienze della Formazione Primaria;
– che i 24 mesi per i DM vengano conteggiati al netto dei ricorsi a partire dal 2014, ricorsi su cui si è espresso negativamente il massimo organo della giustizia amministrativa nell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato (il servizio accumulato entro tale anno non è da considerarsi “legittimo”);
– che questa graduatoria abbia una scadenza temporale precisa;
– che i laureati in Scienze della Formazione Primaria tornino ad essere ammessi direttamente al corso sul sostegno;
– concorsi ordinari banditi biennalmente.
Condividi: