item-thumbnail

Scuola digitale: Eurydice ci promuove, ma si può fare di più

di Giulia Boffa

Secondo il rapporto Eurydice sull’educazione digitale in Ue, si può fare molto di più per promuovere la tecnologia per usi didattici e per prevedere risorse dedicate all’hi-tech.

Ne parla il Sole24ore.

Lo studio analizza lo stato della didattica hi-tech nelle scuole primarie e secondarie nei 38 paesi europei, che partecipano al programma Erasmus+: L’Italia risulta ai primi posti negli investimenti nella didattica digitale e nella formazione dei docenti.

Il rapporto ha studiato i curricoli scolastici e risultati dell’apprendimento, lo sviluppo delle competenze digitali degli insegnanti, l’uso delle tecnologie nella valutazione delle competenze digitali degli studenti, le strategie e le politiche nazionali sull’educazione digitale a scuola.

In quasi tutti gli Stati i governi si occupano della formazione continua degli insegnanti nel settore dell’educazione digitale: in Italia, lo sviluppo professionale continuo degli insegnanti rientra nel progetto di digitalizzazione della società; inoltre nel nostro Paese gli investimenti nelle infrastrutture digitali sono considerati fondamentali per l’educazione digitali.

Italia promossa da Eurydice, ma secondo il rapporto si può fare di più.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: