item-thumbnail

Sciopero 11 settembre per riapertura GaE agli abilitati, Anief: via libera della Commissione di Garanzia

di redazione

Comunicato Anief – Adesso è ufficiale: la Commissione di Garanzia degli scioperi pubblica la proclamazione dell’Anief per l’astensione dal servizio – per l’intera giornata dell’11 settembre prossimo – di tutto il personale docente, Ata ed educativo, a tempo determinato e indeterminato delle istituzioni statali e comunali: lo stesso giorno in cui è stata richiesta alla Questura di Roma l’autorizzazione per un sit-in presso Piazza del Parlamento dalle 9.00 alle 14.00 del personale precario durante l’inizio della discussione del Mille-Proroghe presso la Camera dei Deputati, sul quale stanno confluendo anche altre organizzazioni sindacali a partire dai Comitati di Base.

Sono diversi i motivi che hanno indotto il giovane sindacato a proclamare il primo sciopero nazionale del nuovo anno scolastico, alla vigilia dell’inizio delle lezioni, e ad organizzare una manifestazione nazionale a tutela del personale precario: oltre alla difesa della riapertura delle graduatorie ad esaurimento per tutto il personale abilitato e alla salvaguardia dei ruoli, la piattaforma di protesta include la richiesta di adeguamento dell’organico di fatto a quello di diritto, inclusi i posti in deroga su sostegno, la stabilizzazione del personale precario, l’assunzione su tutti i posti vacanti e disponibili, una revisione globale poi della Buona Scuola, la Legge 107/15, che l’attuale governo ha soltanto scalfito, lo sblocco dell’indennità di vacanza contrattuale, l’adeguamento degli stipendi all’inflazione, considerando che la categoria percepisce i compensi più bassi dell’area Ocse, quasi 10mila euro sotto la media Ue, di tutta la PA italiana e addirittura in calo. Perché è evidente che i concorsi previsti dalla Buona scuola o dal Decreto Dignità non porteranno una soluzione condivisibile per i 100 mila supplenti impegnati da diversi anni come precari nelle nostre scuole, ivi incluse le 45 mila maestre e le altre 7 mila assunte nei ruoli ma che saranno licenziate il prossimo mese di giugno.

“Lo sciopero – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – permetterà al personale docente e Ata precario delle regioni dove l’11 settembre saranno iniziate già le lezioni di poter partecipare alla manifestazione che si terrà a Roma per difendere il testo del Mille-proroghe licenziato dal Senato con l’emendamento salva-precari nel primo giorno di riapertura dei lavori parlamentari a Montecitorio. Ricordiamo che il momento è cruciale: se approvato definitivamente, l’emendamento LeU 6.3 all’art. 6 del decreto legge 91 darebbe modo a migliaia di precari, già entro l’autunno, di avere i contratti di supplenza al termine delle attività didattiche o annuali, proprio dalle graduatorie ad esaurimento e concorrere nei ruoli in surroga rispetto ai posti andati vacanti e disponibili. Inoltre, verrebbe sterilizzato il contenzioso pendente che ha ingolfato i tribunali amministrativi e del lavoro, ponendo fine alla particolarità tutta italiana del mancato incontro tra domanda e offerta, cioè tra posti vacanti e personale abilitato pronto a subentrare”.

Comincia intanto a definirsi la manifestazione dell’11 settembre: il clou della protesta di piazza è previsto per le ore 12.00, quando i precari, confluiti nella capitale da tutto il Paese, saranno tutti presenti nella piazza davanti a Montecitorio per far sentire la propria voce ai parlamentari e dimostrare di non essere dei fantasmi. Durante il sit-in sarà richiesto un incontro di una delegazione ristretta per spiegare le ragioni della contestazione al Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, della I Commissione Affari Costituzionali Giuseppe Brescia, della VII Commissione Cultura Mario Pittoni, oltre al Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, e ai vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

17 agosto 2018

Ufficio Stampa Anief

Condividi:

Argomenti: