item-thumbnail

Scienze della formazione primaria, una laurea non valorizzata nella scuola. Lettera

di redazione

Antonella Pierdominici – Sono un’insegnante di scuola primaria, Laureata in Sfp vecchio ordinamento. Dall’apertura del corso di laurea, sono stata una delle prime a laurearmi all’Università di Mc perchè ho scelto di fare l’insegnante.

Ho subito iniziato a lavorare e non ho dovuto fare tanto preruolo, ma ad oggi dopo 15 anni di servizio mi trovo a girare come una trottola ( perdendo posto spesso e volentieri) a causa del fatto che spf è abilitante come un concorso, ma non dà punteggio una volta entrati di ruolo, così come il corso universitario per il sostegno!

In sintesi, sono in regola come insegnante ma  mi passano avanti persone con il concorso (12 punti )  o con lauree improbabili (5 punti) che con la scuola non ci azzeccano niente! Io credo che se spf è abilitante dovrebbe valere almeno 12 punti come il concorso, a maggior ragione che il concorso si riduce solamente a 2 prove (orale e scritto) mentre una laurea (che sia nuovo ordinamento o vecchio) è cmq un percorso di anni. Inoltre anche il corso di sostegno dovrebbe valere qualche punto in graduatoria, visto che siamo specialiste, anche agli operai vengono riconosciute le specializzazioni!

Paradossalmente senza Scienze della formazione non si può insegnare poi ci ritroviamo gente con un semplice diploma che insegna, paradossalmente senza titolo di sostegno non si può insegnare ai bambini in difficoltà poi ci sono persone prive di specializzazione che insegnano in scuole pubbliche!

Ringrazio Dio che sono di ruolo ma volevo farvi riflettere su come la nostra laurea alla fine non vale un tubo! Forse è il caso che si dia un pò più di dignità a chi crede nel proprio lavoro e non parlare solo dei diplomati! Spero che solleviate questo problema, che non riguarda solo me ma tantissime insegnanti !Grazie

Condividi: