item-thumbnail

Rsu, da domani docenti e Ata al voto. Anief: votateci per cambiare la scuola

di redazione

Anief – Undici punti per fare la storia del sindacalismo scolastico: sono quelli proposti dall’Anief ad oltre un milione di lavoratori della scuola, docenti e Ata, che da domani, per tre giorni, si recheranno alle urne, predisposte in tutte le scuole, al fine di rinnovare le Rsu del comparto.

Anief chiede il voto di docenti e Ata, precari e di ruolo, forte delle 5mila liste presentate su tutto il territorio nazionale, con 8 mila candidati e 41 mila deleghe già incassate.

L’obiettivo del giovane sindacato è raggiungere la rappresentatività, in modo così da rivedere le contrattazioni d’istituto di ogni scuola, ridefinire gli organici per ambito territoriale, e riscrivere il Contratto collettivo nazionale di lavoro per il triennio 2019/21 all’insegna del rispetto del diritto, delle norme europee e costituzionali.

L’appello a votare Anief è stato realizzato, nel primo pomeriggio di oggi, direttamente dal presidente nazionale, il professor Marcello Pacifico, protagonista dell’Rsu Day Anief, svoltosi nella sede dell’Università Pegaso di Napoli con la formula della diretta streaming: il leader sindacale, che in questo modo ha chiuso una lunghissima campagna elettorale durante la quale ha incontrato migliaia e migliaia di operatori della scuola, ha detto che “la grande sfida educativa oggi più che mai è quella di riportare il diritto nella scuola. Ognuno di noi ci ha messo la faccia. Adesso sta al personale cogliere questa occasione di rinnovamento, dopo trent’anni di stallo, per riscrivere la storia del sindacalismo italiano, con un nuovo ingresso che si ripromette di riportare la legalità e la giustizia nelle nostre aule”.

È stata scelta la provincia di Napoli, perché è quella dove il giovane sindacato ha presentato uno dei maggiori numero di liste e candidati: una provincia dove continua ad essere alta la povertà e la precarietà. Due componenti che Anief conosce bene. “Andare a sederci ai tavoli contrattuali, superando la soglia del 5 per cento – ha detto Pacifico – significa riuscire a sindacare anche su quel contratto che oggi impoverisce la categoria. Significa lottare per ottenere gli aumenti almeno pari all’inflazione, che oggi sovrasta invece lo stipendio di un lavoratore della scuola, ancora una volta privato anche dell’indennità di vacanza contrattuale da noi rivendicata in tribunale. Perché il contratto rimane lo strumento principe per valorizzare il personale, a partire da chi spende la sua vita per formare le generazioni del domani”.

Pacifico si è quindi soffermato sulla precarietà, una piaga che l’ultima riforma non ha nemmeno scalfito: “Come è possibile – ha detto il sindacalista – avere ancora 180mila precari nella scuola, con un sistema di reclutamento che fa acqua da tutte le parti ad iniziare dalla mancata garanzia di assunzione dopo la selezione e formazione? Bisogna riscrivere le regole: se una persona ha frequentato con esito positivo il corso abilitante, questa va assunta. Punto. E lo stesso vale per gli idonei dei concorsi”.

Il presidente Anief ha dunque toccato i punti principali del programma di questa importante tornata elettorale, rammentando che ad oggi la giovane organizzazione supera la soglia della rappresentatività ma che le percentuali relative al voto dei prossimi tre giorni determineranno anche il potere contrattuale delle sigle che firmeranno il prossimo contratto. Per questo è di grandissima importanza indirizzare la totalità dei voti su Anief.

Per parlare ancora a tutti i lavoratori della scuola, in questi giorni il presidente Anief ha pure inviato una lettera a tutti i docenti, educatori e Ata della scuola italiana con i punti del programma elettorale e gli impegni che il sindacato s’impegna a portare avanti. Come da programma elettorale, l’Anief è pronta a rivedere il contratto collettivo nazionale 2016/18, al fine di riconoscere la parità di trattamento economica e giuridica tra personale precario e di ruolo, tutto il servizio pre-ruolo nella ricostruzione di carriera o nei passaggi di ruolo senza temporizzazione, i nuovi profili di collaboratori scolastici, assistenti tecnici e amministrativi, il primo gradino stipendiale ai neo-assunti (CCNI 4 agosto 2011), la mobilità senza blocchi o vincoli e il servizio prestato nella paritaria (CCNI 2018).

Grazie alla presenza ai tavoli confederali, il sindacato ha anche intenzione di cambiare gli attuali accordi che non recuperano l’indennità di vacanza contrattuale (INTESA 30 novembre 2016) e non interrompono la trattenuta del 2,5% in regime di TFR (ACCORDO 30 luglio 1999). Con le RSU e le RSA Anief presenti in ogni scuola, ci si opporrà anche alla sottoscrizione dei contratti d’istituto laddove interessi particolari saranno anteposti al diritto nazionale e comunitario e alle fondamentali regole di trasparenza, merito, efficienza ed efficacia della Pubblica Amministrazione.

Guarda l’intervento integrale del professor Pacifico

Leggi l’intero programma elettorale delle elezioni Rsu 2018

Condividi:

Argomenti: