item-thumbnail

Rottamazione cartelle esattoriali, agevolazioni per la popolazione colpita dal sisma

di Consulente Fiscale

Rottamazione cartelle esattoriali, i contribuenti che risiedono nei Comuni colpiti dal sisma, sono agevolati, ecco come.

Buongiorno, spiego il mio caso: ho aderito alla rottamazione bis per sanare la mia posizione. Tutto bene se non che essendo io nel cratere di Camerino soggetto alle varie proroghe del terremoto, ho avuto una “specie” di privilegio per il rimborso delle famose 5 rate. I bollettini che ho ricevuto ufficialmente, by-passano le prime tre rate (luglio, Settembre, Ottobre e Novembre ). 

Mi hanno messo tutte e 4 le rate alla metà di Dicembre ( tutte e tre insieme ed è una fucilata ). Francamente pensavo che “ripartissero” le 5 rate “da Dicembre” per noi del cratere.  Mettere 4 bollettini insieme 10 giorni prima di Natale e chiamarla pure “facilitazione per il cratere” è una stupidaggine degna di una barzelletta. Mi chiedo se con la rottamazione ter di questi giorni, possa anche io usufruire della dilazione a 5 anni che sarebbe perfetta per non crearmi problemi e ripagare tutto senza affanni.

Se ci fosse anche uno sconto/condono, sarebbe gradito per carità, ma mi accontenterei già di pagare il dovuto in 10 rate semestrali invece che praticamente tutte insieme, che è la vera lacuna delle rottamazioni precedenti. Grazie mille

Rottamazione ter per la popolazione colpita dal sisma

La rottamazione ter (decreto legge n. 119/2018), ha introdotto agevolazioni per i contribuenti residenti nei comuni colpiti dal sisma del 2016 e del 2017 (centro Italia).

L’Agenzia delle Entrate Riscossione, specifica, che per questa categoria di contribuente che hanno già presentato la prima definizione agevolata (DL 193/2016) o la seconda definizione agevolata (DL 148/2017), con richiesta accolta, l’importo  sarà automaticamente ripartito in 10 rate consecutive di pari importo spalmate su cinque anni. Le scadenze previste saranno: 31 luglio ed il 30 novembre di ciascun anno, a partire dal 31 luglio 2019.

I contribuenti non dovranno effettuare nessun adempimento, l’Agenzia provvederà ad inviare, entro il 30 giugno 2019, una nuova comunicazione, con gli importi da pagare con allegati i bollettini precompilati.

Per ciascuna rata sarà dovuto il tasso di interesse dello 0,3% calcolato a decorrere dal 1° agosto 2019.

Inoltre, è previsto un margine di 5 giorni di ritardo per il pagamento, rispetto alla scadenza, senza sanzioni e soprattutto senza perdere il beneficio della definizione agevolata.

Per sapere come funzione la nuova rottamazione ter, consigliamo di leggere: Rottamazione ter per bollo auto e multe non pagate (guida completa)

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Condividi:

Argomenti: