item-thumbnail

I concorsi per docenti saranno biennali. Come si accede al percorso FIT

di Nino Sabella

Il decreto sul nuovo sistema di formazione e reclutamento dei docenti della scuola secondaria di I e II grado delinea il percorso da seguire per diventare insegnanti: 1) concorso; 2) percorso di formazione iniziale, formazione e inserimento nella funzione docente (FIT), che ha durata triennale e carattere selettivo con prove di verifica intermedie (necessarie per passare dal secondo al terzo anno, mentre nel primo si dovrà seguire e superare il corso di specializzazione per accedere al secondo anno) e finali che conducono all’assunzione a tempo indeterminato.

Il concorso, per l’accesso al percorso FIT, è indetto ogni due anni su base regionale.

Nel caso in cui il numero dei posti da mettere a bando sia esiguo, il concorso (o meglio la procedura concorsuale interessata) è bandito su base interregionale.

I posti da bandire sono pari a quelli che si prevede si rendano vacanti e disponibili nel terzo e quarto anno scolastico successivi a quello in cui è previsto lo svolgimento delle prove concorsuali (esempio: le prove concorsuali si prevede si svolgano nel 2025 (2024/2025), i posti banditi sono quelli che si prevede si rendano vacanti e disponibili nel 2027/28 e 2028/2029).

I criteri di composizione delle commissioni, i requisiti dei componenti delle medesime, i criteri di valutazione delle prove e dei titoli (la valutazione dei titoli è effettuata solo per quei candidati che abbiano superato tutte le prove concorsuali), la ripartizione dei punteggi tra prove e titoli, i punteggi minimi per superare ciascuna prova d’esame, i requisiti generali e specifici di ammissione nel rispetto di quanto previsto dal decreto legislativo saranno esplicitati in un apposito Regolamento che deve essere adottato, su proposta del Miur, entro 180 giorni dall’entrata in vigore del decreto medesimo.

Gli aspiranti docenti possono partecipare in una sola regione e per più contingenti di posto (cioè tipologie e classi di concorso).

I vincitori di concorso sono ammessi, secondo la posizione in graduatoria di merito, al percorso FIT.

L’ammissione al percorso FIT avviene in due scaglioni annuali successivi nel limite dei posti che si prevede si rendano vacanti e disponibili, nel terzo e quarto anno scolastico, successivi a quello in cui è previsto lo svolgimento delle prove concorsuali.

Confermato concorso 2018. Addio a TFA e PAS, arrivano i FIT per diventare insegnanti, cosa sono
Riforma approvata, le schede dei decreti nuovo reclutamento, sostegno, esami di stato, 0-6, estero, professionali

Tutto sulle riforme

Condividi: