item-thumbnail

Reddito cittadinanza, 100mila candidati Navigator. Selezione con cento domande a risposta multipla

di redazione

Nei giorni scorsi, abbiamo riferito sulle lauree necessarie per diventare navigator, figura che orienterà nella ricerca del lavoro coloro i quali percepiranno il reddito di cittadinanza.

Requisiti

Possono partecipare alla selezione i soggetti in possesso di una delle seguenti lauree:

  • giurisprudenza;
  • economia;
  • scienze politiche;
  • sociologia;
  • psicologia;
  • scienze della formazione.

Selezione: quesiti e colloquio

La selezione, riferisce il Corriere.it, consiste in cento domande a risposta multipla, riguardanti la logica e il funzionamento del reddito di cittadinanza, e in un colloquio.

Si prevedono 100mila canditati.

Assunzioni: si deve rispettare iter

L’avviso dovrebbe essere pronto, tuttavia, la strada che porta alle assunzioni è abbastanza irta, come riferisce ancora il Corriere.it

Nonostante le pressioni politiche per pubblicare l’avviso, si deve seguir l’iter legislativo che prevede un passaggio in Conferenza Stato-Regioni.

Non tutti i Governatori sembrerebbero pronti a dare il proprio assenso, in quanto attendono risposte dal Governo su alcuni aspetti. Così Cristina Grieco, assessore al Lavoro della Toscana e coordinatrice degli assessori nelle altre Regioni:

Noi non sappiamo dove i navigatori dovrebbero operare, — spiega — che cosa dovrebbero fare e da chi dovrebbero dipendere ufficialmente“.

Ricorso alla Corte Costituzionale

Le Regioni, riferisce sempre il Corriere, sarebbero pronte ad un ricorso alla Corte Costituzionale.

Evidenziamo, inoltre, che, mentre nel decreto sono stati stanziati i soldi per i navigator per soli due anni, il Governo sostiene che poi vanno assunti a tempo indeterminato. A carico di chi? Delle Regioni? Queste hanno già  9 mila dipendenti nei centri per l’impiego.

La questione sembra complicarsi,  potrebbe materializzarsi l’accusa di danno erariale per Anpal servizi, la società dell’Agenzia per le politiche attive del lavoro, che formalmente assumerà i navigator. Perché? Il lavoro è una materia a competenza concorrente, gestita in condominio da Stato centrale e Regioni. Procedere senza l’ok di tutte le Regioni significherebbe violare non una norma di poco conto ma niente meno che la Costituzione.

Governo e Regioni torneranno ad incontrarsi domani 12 febbraio.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: