Prove Invalsi, non è un lavoro che spetta agli insegnanti

di

FGU – Pollice verso della Gilda degli Insegnanti nei confronti delle prove Invalsi. La bocciatura porta la firma della Direzione nazionale che si è riunita ieri a Roma. Nonostante l´obbligatorietà, adesso sancita per legge, della somministrazione dei test, il sindacato guidato da Rino Di Meglio conferma la sua posizione polemica sul tema già assunta l´anno scorso dall´Assemblea Nazionale.

FGU – Pollice verso della Gilda degli Insegnanti nei confronti delle prove Invalsi. La bocciatura porta la firma della Direzione nazionale che si è riunita ieri a Roma. Nonostante l´obbligatorietà, adesso sancita per legge, della somministrazione dei test, il sindacato guidato da Rino Di Meglio conferma la sua posizione polemica sul tema già assunta l´anno scorso dall´Assemblea Nazionale.

Tra le critiche mosse dalla Gilda alle prove Invalsi, c´è la tabulazione meccanica dei risultati che "oltre a invadere l´ambito della professione docente – spiega il sindacato – non rientra in alcun modo tra le competenze che attengono agli insegnanti perché si tratta di attività riguardanti una valutazione esterna che non spetta ai docenti".

Dalla Direzione nazionale arriva anche un rimprovero al ministero dell´Istruzione che, secondo la Gilda, ha assunto "una posizione ambigua che demanda alle scuole l´individuazione delle inesistenti risorse finanziarie per retribuire tale attività, ammettendo, implicitamente, che si tratta di una prestazione aggiuntiva e volontaria".

Infine la Gilda stigmatizza anche "l´anacronismo di un lavoro ripetitivo e amanuense che smentisce nei fatti il vantato processo di informatizzazione della Pubblica Amministrazione".

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: