Procedimento disciplinare: dirigente può sospendere furbetti senza contraddittorio

di Lucrezia Di Dio

Si attende l’ok per lo schema di decreto legislativo che porterebbe modifiche all’articolo 55-quater, introdotto nel decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 dall'art.69, comma 1,del decreto legislativo n. 150/2009, che contiene le disposizioni in materia di licenziamento disciplinare nell PA.

Si attende l’ok per lo schema di decreto legislativo che porterebbe modifiche all’articolo 55-quater, introdotto nel decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 dall'art.69, comma 1,del decreto legislativo n. 150/2009, che contiene le disposizioni in materia di licenziamento disciplinare nell PA.

Ferma la disciplima del licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo, le sanzioni disciplinari del licenziamento si possono applicare nei seguenti casi:

  • assenza ingiustificata dal servizio
  • rifiuto ingiustificato del trasferimento disposto dall’amministrazione per esigenze di servizio
  • presentazioni di documentazioni o dichiarazioni false in occasione dell’assunzione o della progressione di carriera
  • reiterazione di condotte aggressive, moleste o minacciose (o comunque ingiuriose e lesive della dignità altrui) sul luogo di lavoro
  • presenza di condanna penale definitiva che comporti l’interdizioni dai pubblici uffici
  •  falsa attestazione della presenza in servizio, oltre all’alterazione dei sistemi di rilevamento presenza,  anche effettuata con sistemi fraudolenti e con l’aiuto di terzi (in questo caso anche chi ha agevolato la violazione dovrà rispondere della violazione)

 




La vera novità consiste, in ogni caso, nell’introduzione di una nuova sospensione cautelare obbligatoria applicabile entro 48 ore senza obbligo di audizione dell’interessato,  nei casi di falsa attestazione della presenza in servizio accertata. Al dipendente sospeso sarà corrisposto un assegno alimentare avente natura assistenziale e non retributiva pari alla metà della retribuzione.

Un’altra novità molto importante riguarda l’iter del procedimento disciplinari i cui tempi si accorciano: dovrà ultimarsi, infatti entro il trentesimo giorno dalla data di notifica al dipendente del procedimento in corso.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: