item-thumbnail

Supplenze, in tre giorni assegnate 1.500 cattedre con convocazioni unitarie

di redazione

Comunicato – Si respira grande soddisfazione fra i presidi e le organizzazioni sindacali della provincia di Pisa dopo la sperimentazione delle convocazioni unitarie da parte di tutte e 52 le scuole pisane per il conferimento delle supplenze dalle graduatorie di istituto, l’ultima e, per certi versi più complessa, delle operazioni per coprire i posti rimasti liberi.

Una sperimentazione fortemente voluta da CODISCO (coordinamento dirigenti scolastici della provincia di Pisa ) e dai sindacati scuola (CGIL, CISL, UIL, SNALS, GILDA e COBAS) e supportata convintamente dall’Ufficio scolastico provinciale di Pisa .

Le convocazioni si sono svolte il 15 settembre alla Stazione Leopolda di Pisa per il personale ATA e nei giorni 1-2-3 Ottobre al teatro di Cascina per tutto il personale docente.

I vantaggi della procedura unitaria sono evidenti: in pochissimo tempo le scuole riescono ad avere tutto il personale – docente e ATA – nell’arco di uno o due giorni; si elimina quasi del tutto il balletto di rinunce e nomine che costringeva spesso a cambiare i docenti più volte proprio all’inizio dell’anno, con ripercussioni sul funzionamento e sulla didattica; c’è maggiore trasparenza per il personale che deve prendere la supplenza perché può optare immediatamente, in base al punteggio, su tutti i posti che risultano disponibili; si semplifica il lavoro delle segreterie scolastiche, in passato costrette per settimane a continue nomine e sostituzioni. Invece, il primo giorno di scuola già c’erano tutti i custodi e gli amministrativi e, per i docenti, in solo tre giorni, sono state assegnate 1.500 delle circa 1.700 disponibilità di partenza, un risultato insperato prima di iniziare (i pochi residui sono in corso di assegnazione da parte delle singole scuole).

Gli aspetti organizzativi non sono stati indifferenti da affrontare, dall’individuazione della sede alle convocazioni alla necessaria presenza di rappresentanti di tutte le scuole. Un contributo indispensabile alla sperimentazione è venuto dal software creato da due docenti del “Cattaneo” di San Miniato, il prof. Sandro Jurinovich e il prof. Roberto Finocchi che hanno messo a punto un programma per l’incrocio delle singole graduatorie di istituto di tutte le scuole di ogni grado, dall’infanzia alle superiori e, al contempo, hanno inserito tutti i posti e le ore rimaste disponibili.

Sono estremamente soddisfatto del risultato di questa sperimentazione, a cui l’ufficio scolastico provinciale ha contribuito con azioni di supporto e di coordinamento – afferma il provveditore agli studi di Pisa, Giacomo Tizzanini –. Ci lavoriamo con tutti i sindacati scuola di Pisa e con i dirigenti scolastici dall’estate: la fatica, ma al contempo la grande forza, è stata proprio la condivisione e l’assunzione di responsabilità da parte di tutti i soggetti di questo percorso innovativo, con grandi vantaggi per gli studenti, per le scuole e per il personale. Abbiamo già visto dove possiamo migliorare e su questo siamo già a lavoro per il prossimo anno. Non posso che ringraziare di cuore a nome della scuola pisana tutti coloro che, a vario titolo, hanno dato il proprio contributo.”

“Ringraziamo tutti i Dirigenti della provincia di Pisa – continua il Dirigente scolastico Salvatore Caruso – per la disponibilità offerta nei giorni delle nomine ed in quelli precedenti. In questa situazione, come in tutte quelle che le Istituzioni scolastiche si trovano ad affrontare, il coordinamento e l’organizzazione sono fondamentali.

Vorrei ringraziare anche la Leopolda di Pisa e la Città del Teatro di Cascina per la disponibilità dei locali.”

Gilberto Vento a nome delle Organizzazioni Sindacali (CGIL, CISL, UIL, SNALS, GILDA e COBAS) evidenzia l’estrema positività della convocazione unitaria, nata su proposta dei sindacati stessi, in quanto questa ha portato ad una serie di benefici: la convocazione e l’attribuzione delle nomine per ATA e docenti è avvenuta in netto anticipo rispetto agli anni scolastici precedenti; c’è stata assoluta trasparenza sulle convocazioni e l’attribuzione delle nomine; quest’anno sono stati attribuiti ai precari (docenti e ATA) non solo i posti interi, ma anche spezzoni di cattedra o spezzoni orari che negli anni passati non venivano a loro assegnati; la convocazione unitaria, inoltre ha facilitato il compito delle segreterie delle scuole, già aggravato dal taglio del personale.

Giacomo Tizzanini (Dirigente Uff. scolastico territoriale di Pisa)
Salvatore Caruso (Dirigente scolastico coordinatore della CODISCO)
Le segreterie delle organizzazioni sindacali della provincia di Pisa (CGIL, CISL, UIL, SNALS, GILDA e COBAS)

Condividi:

Argomenti: