item-thumbnail

“Poli ad orientamento artistico e performativo” nel primo ciclo, CSPI: dare giusto rilievo agli organi collegiali

di redazione

Il CSPI, come già riferito, il 18 aprile u.s., ha espresso il proprio parere relativo al DM di definizione del Corso di Specializzazione (60 CFU) per Laureati in Scienze della Formazione Primaria, per l’acquisizione della qualifica di Educatore dei Servizi educativi per l’Infanzia.

Educatori. Titolo accesso Laurea, CSPI: rinviare di un anno la nuova norma. Osservazioni su conseguimento 60 CFU

Nella suddetta seduta, il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione ha espresso ulteriori due pareri relativi al:

  • decreto relativo ai “Poli ad orientamento artistico e performativo”, previsto dall’articolo 11 del D.lgs. n 60/2017;
  • decreto interministeriale relativo ai “Criteri generali per favorire il raccordo tra il sistema dell’istruzione professionale e il sistema di istruzione e formazione professionale e per la realizzazione, in via sussidiaria, di percorsi di istruzione e formazione professionale per il rilascio della qualifica e del diploma professionale quadriennale”, previsto dall’articolo art. 7 del D.lgs n. 61/2017.

Parere decreto “Poli ad orientamento artistico e performativo”

Il parere riguarda un aspetto specifico e particolare, quale il Decreto relativo alla costituzione, nell’ambito del primo ciclo, dei Poli ad orientamento artistico e performativo in cui gli aspetti più rilevanti riguardano le procedure per l’individuazione delle reti di scuole e della relativa scuola capofila e le modalità organizzative.

Queste le osservazioni del CSPI:

  • Si propone di eliminare il meccanismo selettivo,  volto a selezionare i Poli a livello territoriale “ai fini dell’attribuzione delle risorse finanziarie previste dal Piano delle Arti”;
  • si ritiene che i percorsi artistici, basati sull’innovazione di modelli organizzativi e didattici, siano di difficile attuazione a parità di organico docente e Ata, in quanto si prevedono, tra i criteri per l’adesione ai Poli, specifici “locali, laboratori e attrezzature idonei per la didattica collettiva e individuale”;
  • si chiede di inserire un riferimento esplicito agli Organi Collegiali, al fine di dare loro il giusto peso nell’ambito delle decisioni riguardanti gli aspetti educativo-didattici

Il Consiglio ha espresso all’unanimità parere favorevole a condizione che siano recepiti i suggerimenti e le modifiche proposte.

Parere decreto raccordo Istruzione Professionale e IeFP

Del parare relativo alla definizione de criteri generali per favorire il raccordo tra il sistema dell’istruzione professionale e il sistema di istruzione e formazione professionale, abbiamo parlato in Raccordo Istruzione professionale e percorsi IeFP, CSPI: necessaria attuazione livelli essenziali prestazioni

Il parere

Condividi: