item-thumbnail

Pensioni, Salvini: quota 100 da febbraio, no penalizzazioni e gradualità

di redazione

Il Vicepremier e Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ospite a “Otto e Mezzo” su La7, è intervenuto anche sul tema delle pensioni.

L’intenzione è “Smontare la legge Fornero“, partendo da quota 100, con obiettivo finale quota 41 pura.

Requisiti

I requisiti per andare in pensione con quota 100 sono:

  • 62 anni di età
  • 38 anni di contributi

No penalizzazioni e no cumulo

Non ci sarà nessuna penalizzazione sull’assegno pensionistico. Non è vero, ha tenuto a precisare il Ministro, che si perderà il 25%.

Non si potrà cumulare la pensione con un eventuale reddito da altro lavoro.

Numero pensionati e gradualità

Gli aventi diritto, afferma Salvini, sono 400-500 mila.

L’intento dell’Esecutivo è di “calibrare” i tempi per il pubblico impiego, al fine di evitare l’uscita in massa di numerosi lavoratori.

Il Ministro fa un esempio: se in un ufficio dovessero andare in pensione 10 persone, nel mese di febbraio 2019, si chiederebbe a qualcuno di restare sino al mese di marzo-aprile (non specifica in che modo e secondo quali criteri).

Da quando si potrà accedere a quota 100

Si andrà in pensione con quota 100 dal mese di febbraio, almeno secondo l’intento del Ministro.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: