item-thumbnail

Orientamento, le migliori Università italiane per area disciplinare

di redazione

Scegliere di proseguire il proprio percorso formativo con un nuovo ciclo di studi è un passaggio importante per un giovane neo-diplomato.

Una scelta di certo non semplice perché se approcciata con la giusta attenzione e lungimiranza ci si accorge presto che individuare la strada più coerente con le proprie aspettative e ambizioni professionali, senza trascurare interessi e passioni, non è affatto facile.

E se a questo aggiungiamo la variabilità del mercato del lavoro, si fa presto a capire quanto possa risultare utile aver definito (continuando a farlo) un percorso di orientamento che aiuti a riflettere e ragionare sui principali fattori che incideranno maggiormente nel momento in cui bisognerà intraprendere un ciclo di studi terziario. Come messo in luce da molte fonti, quasi l’80% dei giovani diplomati che sceglie di aprire un nuovo percorso di studi, lo fa iscrivendosi all’Università, che non rappresenta (ovviamente) l’unica opzione formativa percorribile dopo il diploma, verso cui ci si avvicina talvolta con le idee più o meno chiare nel mare magnum dei corsi di laurea. Certo, inclinazioni e interessi hanno un peso specifico rilevante nel condizionare la scelta.

Alcuni si iscriveranno a un corso di laurea in linea con gli studi superiori conclusi; altri sceglieranno di stravolgere completamente le proprie traiettorie formative, aprendosi a discipline abbondantemente distanti da quanto sin qui appreso tra i banchi di scuola. La cosa importante è che questa scelta sia presa in maniera consapevole e ponderando i diversi aspetti della questione. Sicuramente il tema del mismatch tra Università e mondo del lavoro è un fattore di prim’ordine che va considerato quando ci si orienta nella scelta dell’Università presso la quale iscriversi.

Prendere informazioni su quali siano le lauree migliori per trovare lavoro e guadagnare di più potrebbe essere un altro aspetto da non trascurare. Il percorso formativo universitario consentirà di ultimare un periodo di apprendimento proiettato verso il mondo del lavoro. Orientarsi nella scelta dell’Università considerando anche (ma non solo) le lauree che consentono di “accorciare” i tempi di ingresso nel mondo del lavoro e di accedere a professioni meglio retribuite rispetto ad altre potrebbe aggiungere un tassello in più nella valutazione complessiva.

Ecco, laddove, a questo punto, le idee siano più chiare e la scelta dell’indirizzo di studi da intraprendere pressoché presa, perché non raccogliere informazioni sulle migliori Università Italiane presso cui immaginare di aprire il nuovo ciclo di studi? Durante l’anno vengono pubblicate, da diverse e autorevoli fonti, classifiche che danno interessanti indicazioni sulle Università italiane più apprezzare. Prendiamo quella recentemente diffusa da QS World Ranking, che valuta le Università di tutto il mondo considerando diversi fattori. Fatto 100 la valutazione complessiva, i fattori che entrano in gioco sono i seguenti: reputazione accademica (40%), reputazione nel mondo del lavoro (10%), opinione degli studenti (20%), numero di citazioni nelle pubblicazioni (20%), reputazione internazionale (5%) e numero di studenti internazionali (5%).

Ragionando per alcune aree disciplinari, vi proponiamo quindi la top five delle Università italiane che si posizionano meglio di altre nella classifica stilata da QS World Ranking:

Arti e discipline umanistiche

  • Alma Mater Studiorum (Bologna)
  • Università La Sapienza (Roma)
  • Università Cà Foscari (Venezia)
  • Università degli studi di Padova (Padova)
  • Università degli studi di Milano (Milano)

Ingegneria e tecnologia

  • Politecnico di Milano (Milano)
  • Politecnico di Torino (Torino)
  • Università la Sapienza (Roma)
  • Università degli studi di Padova (Padova)
  • Alma Mater Studiorum (Bologna)

Medicina e scienze della vita

  • Università degli studi di Milano (Milano)
  • Alma Mater Studiorum (Bologna)
  • Università degli studi di Padova (Padova)
  • Università La Sapienza (Roma)
  • Università degli studi di Torino (Torino)

Managment e scienze sociali

  • Università Bocconi (Milano)
  • Alma Mater Studiorum (Bologna)
  • Politecnico di Milano (Milano)
  • Università La Sapienza (Roma)
  • Università degli studi di Padova (Padova)

Farsi un’idea anche sulla reputazione dell’Università ragionando rispetto all’indirizzo di studi scelto può così risultare utile per portare a termine una scelta ragionata e orientata verso un progetto formativo e professionale coerente.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: