item-thumbnail

Nuovi Dirigenti Scolastici, anno di prova. Prime indicazioni [ANTEPRIMA]

di redazione

Concorso Dirigenti Scolastici:  modificato con la legge 12/2019 in corso d’opera, con il superamento del corso di formazione e l’assunzione dei vincitori dopo lo svolgimento della prova orale.

Il periodo di prova e formazione

L’assunzione per i primi 1.984 vincitori, scatterà il 1° settembre 2019.  Da quella data partirà anche il periodo di prova e formazione, per regolamentare il quale il  Miur emanerà una apposita circolare.

Il periodo di prova comprende almeno 180 giorni di servizio effettivamente prestato nel corso dell’anno scolastico.

La formazione

La formazione ricalca sostanzialmente il modello già sperimentato con successo dal 2015 con i docenti.

Essa prevede Attività di accompagnamento e Attività di formazione, organizzate dall’USR sulla piattaforma Indire. I contenuti riprendono in buona parte argomenti già affrontati nel corso delle prove concorsuali.

Le attività di formazione (50 ore) sono organizzate per gruppi di 25 dirigenti, e avranno una dimensione laboratoriale, pratica, con studio di casi e scambio di buone pratiche professionali.

Esito negativo

In caso di esito negativo dell’anno di prova e formazione il Dirigente Scolastico viene restituito al ruolo di provenienza, non essendo prevista la ripetibilità del percorso.

Prima di giungere all’esito negativo, l’USR può disporre una ispezione per appurare le lacune segnalate relativamente allo svolgimento della funzione dirigenziale.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: