Nuove classi di concorso. Coordinamento Nazionale TFA: appello al MIUR per tutelare i diritti degli abilitati

di redazione

Tra le tante criticità sollevate dal bando di concorso, la peggiore è forse la sorte riservata agli abilitati di classi di concorso accorpate, che si trovano a dover essere esaminati tra poche settimane su materie per le quali non hanno abilitazione e che, in alcuni casi, hanno affrontato solo marginalmente nel loro percorso di studi.

Tra le tante criticità sollevate dal bando di concorso, la peggiore è forse la sorte riservata agli abilitati di classi di concorso accorpate, che si trovano a dover essere esaminati tra poche settimane su materie per le quali non hanno abilitazione e che, in alcuni casi, hanno affrontato solo marginalmente nel loro percorso di studi.

Il problema si presenta particolarmente evidente nelle seguenti nuove classi di concorso: 

A 34 Scienze e tecnologie chimiche (ex  A012-A013-A066)

A 37 Scienze e tecnologie delle costruzioni, tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica (ex A016-A071-A072)

A 40 Scienze e tecnologie elettriche ed elettrotecniche (ex A034-A035)

AD 09 Discipline grafiche, pittoriche e scenografiche (ex A008-A021-D611-D615-D619-D620)

 Accorpamenti abnormi (addirittura fino a sei cdc) tra materie che fino a questo momento avevano seguito percorsi distinti, quali chimica e chimica agraria, o elettronica ed elettrotecnica. Gli abilitati in discipline pittoriche si trovano a dover concorrere su scenografia e scenotecnica, quando finora non gli era mai stato chiesto di occuparsi di teatro; gli ingegneri industriali abilitati in ex A071su topografia e costruzioni, finora terreno di studio solo per gli ingegneri civili. A ciò si aggiunga anche la presenza di prove pratiche, per le quali si richiede una conoscenza non solo teorica.

È evidente come non si possano cambiare le carte in tavola all’ultimo momento a docenti che hanno già seguito un duro e costoso percorso abilitante (a numero chiuso nel caso del TFA). Va trovata una soluzione-ponte, quale ad esempio diversificare le prove per classi di provenienza e provvedere a formare i docenti vincitori sulle parti delle discipline che – non certo per loro colpa – non conoscono bene. In caso contrario saranno inevitabili i ricorsi.

Il Coordinamento Nazionale TFA si rivolge, con la seguente lettera aperta, al ministro Giannini e all’on. Rocchi, relatrice del provvedimento di riforma delle classi di concorso in Commissione alla Camera, che aveva manifestato l’intenzione di tutelare i diritti delle abilitazioni già esistenti. 
Chiediamo ad esse una presa di posizione pubblica sul problema qui sollevato e su come sia da intendersi la suddetta tutela. 

Per il Coordinamento Nazionale TFA:

Prof. Alessandro Viti, Presidente

Proff. Ilaria Gallitelli e Dario Vinci (A 37)

Prof.ssa Anna Pisani (AD 09)

Prof.ssa Irene Rovardi (A 34)

Prof. Michele Russo (A 40)

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: