item-thumbnail

Concorsi per la Pubblica Amministrazione: quanto devono valere i titoli

di Elisabetta Tonni

Da ora le Amministrazioni pubbliche potranno individuare più facilmente le professionalità migliori di cui hanno bisogno.

A ottimizzare questa ricerca è la  direttiva 3/2018   che contiene le linee guida per lo svolgimento dei concorsi pubblici per il reclutamento del personale.

Il documento è stato emanato dalla ministra per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, come risulta dal sito dello stesso Ministero.

Fra i vari aspetti, la Direttiva prevede un migliore bilanciamento tra i titoli di carriera e altri titoli. 

A questo proposito “i bandi potranno prevedere un limite al numero di titoli che ciascun candidato può presentare (per esempio, un limite al numero di incarichi svolti, al numero di pubblicazioni prodotte, al numero di attività di formazione fruite), in modo che ciascun candidato sia indotto a indicare i titoli maggiormente rilevanti e che la competizione si svolga su quelli.”

Condividi:

Argomenti: