item-thumbnail

Mobilità 2019/20: operazioni prima della pubblicazione dei movimenti

di redazione

Il personale docente interessato ha già presentato domanda di mobilità per l’a.s. 2019/20.

Quali step mancano per la pubblicazione dei movimenti del personale docente? Cosa è possibile fare nel caso in cui il punteggio notificato sia errato?

Mobilità 2019/20: notifica punteggio e convalida domanda

I docenti, che hanno presentato istanza di trasferimento e/o passaggio di ruolo e/o cattedra, riceveranno una mail con la “lettera di notifica“, che è valida sia ai fini della convalida della domanda presentata che dell’attribuzione del punteggio spettante.

La mail arriverà nella casella di posta elettronica indicata su istanze online per ricevere le comunicazioni Miur.

Nella lettera vengono notificati i punteggi che sono stati attribuiti per il movimento richiesto con il dettaglio delle voci del modulo di domanda ritenute valide, comprese le esigenze di famiglia (se valutabili) ed eventuali precedenze.

Mobilità 2019/20: notifica punteggi errati

Una volta verificati i punteggi attribuiti, nel caso in cui ci si accorge di eventuali errori, è possibile presentare reclamo all’Ufficio scolastico provinciale di competenza (quello di titolarità) entro 10 giorni a partire dalla data di ricezione della notifica di convalida.

Si consiglia di monitorare i siti degli Uffici di interesse, che potrebbero pubblicare specifici avvisi.

Mobilità 2019/20: comunicazione posti e domande al SIDI

La fase successiva a quanto detto sopra è quella riguardante la comunicazione dei posti e delle domande al SIDI.

Per i docenti la data ultima per la summenzionata comunicazione è fissata al 25 maggio 2019.

Mobilità 2019/20: pubblicazione movimenti

Ultimo step delle operazioni di mobilità sarà la pubblicazione dei movimenti, fissata per tutti i gradi di istruzione al 20 giugno 2019.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: