item-thumbnail

Messa a Disposizione: ancora tante le cattedre vacanti. Come inviarla alle scuole

di redazione

Nonostante l’anno scolastico sia ormai iniziato, la situazione che si trovano a dover affrontare tantissime scuole non è certo idilliaca.

La mancanza di docenti causata dall’insuccesso del concorso a cattedra, da falli nelle procedure amministrative del Ministero e da errori nei trasferimenti è un gravissimo problema che attanaglia ancora moltissimi Dirigenti Scolastici.

Ad attività didattiche già avviate, le cattedre scoperte raggiungono ancora numeri impressionanti. Non potendo più contare neppure sulle graduatorie ad esaurimento, lo strumento a cui i Dirigenti Scolastici ricorrono è la domanda di Messa a Disposizione.

Oggi compilare e presentare la domanda di messa a disposizione è ancora più semplice grazie alla piattaforma online di voglioinsegnare.it la prima in Italia che ti consente di contattare oltre 50.000 istituti, di tutti i gradi, presenti sul territorio. Un sistema veloce e intuitivo, ma soprattutto sicuro.

E’ sufficiente rispondere ad alcune domande mirate, e potrai subito mettere a disposizione le tue competenze! La tua MAD verrà inoltrata agli istituti di una o più province in formato PDF, e potrai scegliere se utilizzare la PEC (Posta Elettronica Certificata) o inoltrare la tua domanda di Messa a Disposizione alle caselle istituzionali delle scuole. Il servizio è garantito: entro 48 ore un consulente validerà la domanda telefonicamente e al termine dell’invio riceverai un resoconto contenente l’elenco dettagliato di tutte le scuole contattate.

Con la nota 24306 del 1 settembre 2016, contenente “Istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente, educativo ed A.T.A.” direttamente indirizzata ai Dirigenti Scolastici, il Miur ha posto delle limitazioni sulle candidature per il SOSTEGNO: chi desidera presentare questa domanda non deve risultare iscritto in alcuna graduatoria di istituto e deve indirizzarla solamente a una provincia. Tale condizione deve essere espressamente dichiarata nell’istanza;

Lo staff di voglioinsegnare.it ha già adeguato la piattaforma per consentire l’invio a chi è in possesso dei requisiti. Avranno la precedenza coloro che sono in possesso dell’abilitazione, ma in mancanza di personale specializzato sarà possibile ricorrere anche a docenti privi di titolo.

Per conoscere quali sono le province verso le quali è indirizzato il maggiore o il minor numero di domande di Messa a Disposizione, o dalle quali parte il maggior numero di invii, consulta il nostro sito al link .

Cogli l’occasione al volo! Metti subito a disposizione le tue competenze! Registrati e invia ora la tua domanda di Messa a Disposizione su www.voglioinsegnare.it.

Il nostro servizio clienti telefonico è sempre attivo e pronto a rispondere ai quesiti dei nostri utenti.

voglioinsegnare.it è anche su Facebook all’indirizzo http://www.facebook.com/voglioinsegnare.it: mettendo un “mi piace” alla nostra pagina rimarrai sempre aggiornato sulle nostre attività.

Il team di voglioinsegnare.it

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: