item-thumbnail

Maturità 2018/19, il credito scolastico varrà 40 punti

di Elisabetta Tonni

L’anno scolastico che si sta concludendo sarà l’ultimo per gli esami di maturità in cui il Consiglio di classe potrà assegnare fino a un massimo di 25 punti per ogni studente. 

Lo scrive il Sole24Ore.it ricordando che dal prossimo anno il percorso scolastico peserà per 40 punti sul credito.

Come ben sanno studenti e professori, il credito scolastico considera l’andamento dell’alunno nei tre anni precedenti l’esame di stato del percorso secondario di secondo livello. Finora è stato compreso fra un minimo di 10, equivalente alla sufficienza in tutte le materie, fino a un massimo di 25 punti, pari cioè a un nove pieno complessivo. Va ricordato che altre valutazioni personali o socio-familiari possono influire sul riconoscimento del credito formativo.

All’attribuzione del punteggio, in senso positivo, possono concorrere anche le attività extracurriculari, come la partecipazione a corsi particolari oppure iniziative di volontariato o di formazione in lingue straniere (inglese) o la sfera informatica.

Per quanto riguarda le attività extra scolastiche che hanno influenza sul credito formativo per l’anno in corso, la data di presentazione della documentazione comprovante l’attività è scaduta proprio ieri. Entro il 15 maggio andavano presentati gli attestati dei percorsi aggiuntivi presso la segreteria della scuola, affinché il Consiglio di classe possa esaminarli e valutarli durante gli scrutini.

Leggi anche: Esami di Stato superiori 2018, candidati interni ed esterni: chi ha diritto ad essere ammesso. Quali i casi particolari

Condividi: