item-thumbnail

Libri di testo 2018/19: dalla consultazione all’adozione, dalla tempistica ai tetti di spesa. Scheda di sintesi

di redazione

Il Miur ha pubblicato l’annuale nota sull’adozione dei libri di testo, riguardante l’anno scolastico 2018/19.

Adozioni libri testo 2018/19, pubblicata nota Miur: delibera Collegio docenti seconda decade di maggio. Comunicazione dati entro 8 giugno

La nota rinvia alla precedente nota n. 2581 del 9 aprile 2014, che riassume l’intero quadro normativo a cui le istituzioni scolastiche devono attenersi per l’adozione dei libri di testo …

Vediamo in questa scheda le classi in cui è possibile adottare nuovi libri, la consultazione dei testi da parte dei docenti, il ruolo del dirigente scolastico al riguardo, l’organo collegiale che deve deliberare l’adozione dei nuovi libri di testo, la tempistica e le novità introdotte dalla legge n. 221/2012, dal DM di applicazione n. 781/2013 e dal DL n. 104/2013 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 128/2013.

CLASSI IN CUI E’ POSSIBILE ADOTTARE NUOVI LIBRI DI TESTO

E’ possibile adottare nuovi libri di testo nelle classi:

  • prime e quarte della scuola primaria;
  • prime della scuola secondaria di primo grado;
  • prime e terze e, per le sole specifiche discipline in esse previste, per le classi quinte della scuola secondaria di secondo grado.

CARATTERISTICHE LIBRI TESTO E LIBRI CONSIGLIATI

I libri di testo da adottare devono essere:

  • coerenti con il PTOF, con l’ordinamento scolastico e con il limite di spesa stabilito;
  • in versioni digitali o miste, previste nell’allegato al decreto ministeriale n.
    781/2013 (versione cartacea accompagnata da contenuti digitali integrativi; versione cartacea e digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi; versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi).

I testi consigliati possono essere indicati dal Collegio docenti solo se a carattere monografico o di approfondimento delle discipline di riferimento. Rientrano tra i testi consigliati anche i singoli contenuti digitali integrativi o in forma disgiunta dal libro di testo.

CONSULTAZIONE TESTI: RUOLO DOCENTI E DIRIGENTE SCOLASTICO

L’adozione è preceduta dalla consultazione dei testi da parte dei docenti.

I docenti, al fine di avere tutte le informazioni relative alle proposte editoriali, possono incontrare gli operatori editoriali scolastici, compatibilmente con le esigenze di servizio e fermo restando il regolare svolgimento delle lezioni.

Ai dirigenti scolastici spetta il compito di vigilare, affinché le adozioni siano deliberate nel rispetto della normativa vigente e siano frutto  della libertà di insegnamento e dell’autonomia professionale dei docenti.

I dirigenti, inoltre, devono richiedere ai centri di produzione specializzati i libri in braille per gli alunni non vedenti o ipovedenti.

ORGANO COLLEGIALE COMPETENTE 

L’adozione dei libri di testo è di competenza del Collegio docenti, sentiti i consigli di classe e di interclasse.

La legge n. 128/2013 ha modificato gli articoli 151, comma 1, e 188 del D,lgs. 297/94 , rendendo facoltativa l’adozione dei suddetti libri: “i libri di testo possono essere adottati…” e non ” … sono adottati …”. Ciò in vista della produzione, da parte delle scuole, di materiale didattico digitale da utilizzare come libri di testo e strumenti didattici per la disciplina di riferimento.

TEMPISTICA

Il Collegio docenti adotta i libri di testo nella seconda decade di maggio.

TETTI SPESA SCUOLA SECONDARIA

I tetti di spesa sono definiti (o meglio da definirsi) con decreto ministeriale di natura non regolamentare.

I tetti di spesa, riguardanti le classi delle scuole secondarie di primo e
secondo grado, sono ridotti del 10% soltanto nelle classi in cui tutti i testi sono stati adottati, per la prima volta, a partire dall’anno scolastico 2014/2015 e realizzati nella versione cartacea e digitale, accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità mista di tipo b – punto 2 dell’allegato al decreto ministeriale n. 781/2013).

I medesimi tetti di spesa sono ridotti del 30% solo nelle classi in cui
tutti i testi sono stati adottati, per la prima volta, dall’anno scolastico
2014/2015 e realizzati nella versione digitale, accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità digitale – tipo c – punto 2 dell’allegato al decreto ministeriale n. 781/2013).

E’ previsto un’eventuale superamento del tetto di spesa, entro il limite massimo del 10%, che va adeguatamente motivato dal Collegio docenti.

ABOLIZIONE VINCOLO ADOZIONE

Il vincolo pluriennale di adozione – 5 anni per la scuola primaria e 6 per la secondaria – e il vincolo di immodificabilità dei contenuti (5 anni) dei testi sono stati aboliti dalla legge n. 221/2012.
COMUNICAZIONI DATI ADOZIONI
Le scuole devono comunicare, entro l’8 giugno, i dati relativi alle adozioni:

CONTROLLO REGOLARITÀ AMMINISTRATIVA E CONTABILE

La delibera del Collegio docenti relativa all’adozione dei libri di testo è soggetta al controllo di regolarità amministrativa e contabile, secondo quanto previsto dall’art. 11 del D.lgs. n. 123/2011.

nota adozioni libri di testo a.s. 2018/19

Condividi: