item-thumbnail

La nuova gerarchia della scuola: i docenti all’ultimo posto. Lettera

Inviato da Mario Bocola – La nuova gerarchia della scuola è così composta: prima vengono i genitori, poi i Dirigenti scolastici, poi il personale ATA (assistenti amministrativi e collaboratori scolastici) e in ultimo i docenti.

Gli alunni sono spalleggiati dai genitori, i quali costringono i presidi ad iscrivere i figli nei corsi di loro preferenza. I dirigenti scolastici obbediscono ai dettami dei genitori e formano le classi a seconda dei loro desiderata. Chiudono il ciclo della catena i docenti, i quali vengono “massacrati” sia dai dirigenti scolastici che dai genitori.

Nel mezzo si colloca il personale Ata che gode di più riverenza rispetto agli insegnanti. Insomma si è letteralmente capovolta la gerarchia della scuola in Italia.

Un tempo erano i docenti ad avere prestigio, onorabilità e rispetto, ora, invece, sono i genitori a dettare le leggi nella scuola e i dirigenti scolastici per non perdere le iscrizioni nell’istituzione scolastica che guidano, sono “obbligati” ad assecondare i voleri sacrosanti dei genitori.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: