item-thumbnail

Docenti ammessi terzo anno FIT, saranno pagati come supplenti annuali. Come saranno valutati?

di redazione

di Giulia Boffa e Nino Sabella – Il Miur ha pubblicato la nota n. 35085 del 2 agosto 2018, in cui ha fornito indicazioni in merito all’anno di prova e formazione dei docenti neoassunti a.s. 2018/19.

Anno prova neoassunti 2018/19: incontri in presenza, laboratori formativi, osservazione, attività online. Indicazioni Miur

Nessuna indicazione però è stata fornita in merito alla valutazione finale degli eventuali docenti che svolgono il terzo anno FIT (assunti quindi dal concorso 2018).

Ricordiamo che la valutazione finale dei docenti impegnati nel succitato terzo anno FIT è disciplinato dal DM 984/17.

D.M. 984 /2017

Cosa prevede il DM 984/20017

Il terzo anno FIT – percorso annuale è volto a verificare le competenze professionali del docente, osservate nell’azione didattica (in classe), nelle attività ad essa preordinate e strumentali e nell’ambito delle dinamiche organizzative della scuola.

Supplenze annuali retribuite

I docenti impegnati nel percorso, come detto in diversi nostri articoli, svolgono supplenze su posti vacanti e disponibili e sono retribuiti secondo le medesime condizioni normative ed economiche del contratto di supplenza annuale.

Ecco il passaggio

a) Ai sensi del DM di autorizzazione l’ammissione al corso FIT da GMRE comporta che il docente non di ruolo venga depennato da tutte le graduatorie di merito regionali previste dall’art. 17, comma 2, lettera b)
del D.Lvo n. 59/2017, nonché da tutte le graduatorie ad esaurimento e di istituto, in cui è iscritto sia per la stessa, che per altra clc/tipo posto. Si precisa che, ai sensi del comma 3 dell’art. 8 del D.to L.vo 59/2017, il terzo anno del contratto FIT prevede le medesime condizioni normative ed economiche del contratto di supplenza annuale.

Progetto di ricerca-azione

Gli aspiranti docenti, durante il terzo anno FIT, svolgono un progetto di ricerca-azione.

Il progetto deve essere coerente con l’assegnazione del docente alle classi, alle attività didattiche, al PTOF, in particolare al curricolo, della specifica istituzione scolastica, alle Indicazioni nazionali per il primo ciclo e per i licei e alle Linee guida per gli Istituti tecnici e professionali.

Verifiche in itinere

Le verifiche in itinere consistono in attività di osservazione in classe a cura del tutor; tali attività  sono oggetto di progettazione preventiva, successivo confronto e rielaborazione con il tutor e di specifica relazione da parte del docente.

Alle attività di osservazione sono dedicate almeno 24 ore.

Portfolio professionale

Durante il terzo anno FIT o  percorso annuale FIT, il docente predispone un portfolio professionale, in formato digitale, che dovrà contenere:

a) il curriculum formativo e professionale;

b) il bilancio delle competenze, da redigersi all’inizio e al termine del percorso;

c) la progettazione didattica, le attività didattiche svolte, le azioni di verifica intraprese;

d) il progetto di ricerca-azione;

e) il piano di sviluppo professionale.

Valutazione finale

L’esame di valutazione finale consiste in un colloquio sulle attività svolte nel terzo anno di percorso FIT o percorso annuale. A tal fine, la Commissione si avvale della documentazione contenuta nel portfolio professionale, trasmesso dal dirigente scolastico alla stessa almeno cinque giorni prima della data fissata per il colloquio.

Per essere ammessi alla valutazione finale, gli aspiranti docenti devono aver svolto:

  • 180 giorni di servizio (effettivamente prestato), dei quali almeno 120 di attività didattica;
  • il progetto di ricerca-azione.

Indicazioni Miur

Si attendono indicazioni  ministeriali come già avvenuto per i docenti che saranno immessi in ruolo da GaE e da GM 2016.

Immissioni in ruolo: posti, convocazioni, graduatorie, FIT. Speciale

Condividi:

Argomenti: