item-thumbnail

Permesso per testimonianza in giudizio

di Gianlorenzo Perri

Quale tipo di permesso può usufruire un dipendente della scuola, sia esso docente o ATA, con contratto a tempo indeterminato o con supplenza breve che sia chiamato a testimoniare in un giudizio civile o penale?

Gli articoli 225 del Codice di Procedura Civile e 132 e 133 del Codice di Procedura Penale indicano che il dipendente è obbligato a comparire davanti al giudice per la testimonianza. Tali articoli prevedono l’accompagnamento coattivo o il pagamento di somme per la mancata presentazione innanzi al giudice.

L’ARAN attraverso gli orientamenti applicativi RAL917 del 2011 e RAL_1773 del 2015, si è espressa in materia fugando ogni tipo di dubbio a tal riguardo.

L’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni dà delle indicazioni partendo dal tipo di testimonianza.

Se il dipendente è chiamato a testimoniare per una pubblica amministrazione è considerato a tutti gli effetti in servizio. Può usufruire, senza l’obbligo di dover recuperare, di un permesso orario o dell’intera giornata e non dovrà effettuare nessuna richiesta di permesso.

Se, invece, il dipendente non è chiamato a testimoniare per favore o per conto di pubblica amministrazione, ma in un normale processo civile o penale sarà costretto a ricorrere ai normali permessi previsti dal CCNL.

Il contratto, però, non annovera tra le forme esistenti quella di permesso per la testimonianza in giudizio, né tantomeno i due codici prevedono permessi di questo tipo.

Il dipendente potrà, quindi, usufruire di permessi per motivi personali e familiari, ferie o permessi da recuperare.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: