Evacuazione di alunni con disabilità visiva

di Natalia Carpanzano

Nel caso sia necessario evacuare persone ipovedenti o prive totalmente della vista l’addetto all’evacuazione (insegnante di sostegno e/o persona specificatamente individuata)  prenderà sottobraccio la persona interessata e la accompagnerà lungo il percorso di esodo, avendo cura di fornire tutte le indicazioni su eventuali ostacoli o sul tipo di percorso che si sta effettuando.

Nel caso sia necessario evacuare persone ipovedenti o prive totalmente della vista l’addetto all’evacuazione (insegnante di sostegno e/o persona specificatamente individuata)  prenderà sottobraccio la persona interessata e la accompagnerà lungo il percorso di esodo, avendo cura di fornire tutte le indicazioni su eventuali ostacoli o sul tipo di percorso che si sta effettuando.

E’ indispensabile che, in caso di disabilità di questo tipo, venga preventivamente individuato il personale addetto all’evacuazione, chi lo possa sostituire in caso di assenza degli stessi e che vengano periodicamente effettuate delle simulazioni di esodo per individuare possibili ostacoli e migliorie da apportare al piano di emergenza.

Nell’assistenza a persone con questo tipo di disabilità il soccorritore dovrà porre in essere i seguenti accorgimenti:

  • parlare naturalmente, senza gridare
  • descrivere l’evento che determina la situazione di pericolo
  • offrire la propria assistenza lasciando che la persona vi spieghi di cosa ha bisogno
  • descrivere le azioni che si andranno a compiere nell’immediato
  • evitare che la persona vada in panico per mancanza di informazioni corrette
  • lasciare che la persona afferri leggermente il braccio o la spalla per farsi guidare, camminando leggermente dietro

Una volta raggiunto l’esterno dell’edificio è necessario verificare che la persona aiutata rimanga in compagnia di altri, fino alla fine dell’emergenza.

Tutto sulla sicurezza

Condividi: