item-thumbnail

Graduatorie di istituto, prossimamente istruzioni docenti che conseguiranno titolo sostegno. Anticipazioni

di redazione

Graduatorie di istituto 2020/21, il Ministero emanerà disposizioni per i docenti non abilitati che si specializzeranno su sostegno con il TFA IV ciclo. 

Novità graduatorie di istituto

Il decreto legge n. 126/2019, convertito in legge n. 159/2019, ha previsto per le graduatorie di istituto le seguenti novità:

  • istituzione di graduatorie provinciali, distinte per posti e classi di concorso, da utilizzare per l’assegnazione degli incarichi di supplenza al 30 giugno e al 31 agosto in subordine alle graduatorie ad esaurimento, fermo restando la scelta di 20 scuole, tra quelle della provincia, per le supplenze brevi e temporanee. Per approfondire clicca qui
  • riapertura della III fascia delle graduatorie di istituto, chiusa dalla legge 107/2015, per il solo prossimo triennio 2020/21, 2021/22, 2022/23.

Graduatorie di istituto: rinvio aggiornamento

Il decreto, che disciplina la conclusione dell’anno scolastico 2019/20 e l’avvio del 2020/21, approvato dal Consiglio dei Ministri il 6 aprile 2020, prevede lo slittamento al prossimo anno scolastico dell’aggiornamento delle summenzionate graduatorie di istituto e della costituzione delle graduatorie provinciali.

La costituzione delle nuove graduatorie provinciali e la scelta delle 20 scuole all’interno della provincia, in cui il candidato è inserito per le predette graduatorie provinciali, dunque, avverranno nel corso del prossimo a.s. 2020/21 per il triennio 2021/22, 2022/23, 2023/24

Per l’a.s. 2020/21 resteranno vigenti le attuali graduatorie di istituto, compresi gli elenchi aggiuntivi alla seconda fascia e gli elenchi aggiuntivi di sostegno (in cui si inseriscono coloro i quali si abilitano e/o specializzano successivamente al termine ultimo di aggiornamento triennale delle graduatorie di istituto).

Specializzati senza abilitazione

Ricordiamo che, con la conclusione del IV ciclo di TFA sostegno, avremo i primi docenti specializzati senza abilitazione per la classe di concorso di concorso/grado di istruzione in cui hanno conseguito la specializzazione.

Tra i requisiti di accesso, infatti, il DM 92/2019, prevede per la scuola secondaria:  laurea (con i CFU per l’accesso alla classe di concorso) + 24 CFU in discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche oppure laurea (con i CFU per l’accesso alla classe di concorso) + 3 annualità di servizio, nel corso degli otto anni scolastici precedenti, anche non successive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione (tale requisito, evidenziamolo, non è più previsto per l’accesso al V ciclo, in quanto transitorio).

Finestra annuale inserimento elenchi aggiuntivi e disposizioni specializzati non abilitati

I sopra citati elenchi aggiuntivi alla seconda fascia ed elenchi aggiuntivi di sostegno alle graduatorie di istituto, leggiamo nel decreto del 6 aprile 2020, vanno compilati, per la finestra di inserimento relativa all’anno scolastico 2020/21, entro il 31 agosto 2020. (Evidenziamo che in tal modo, si interviene sul DM 666/2019 che, modificando il D.M. n. 326 del 3 giugno 2015, ha previsto un’unica finestra di inserimento nei summenzionati elenchi e fissato al 1° ottobre di ciascun anno il termine ultimo per  acquisire il titolo di abilitazione e/o specializzazione e inserirsi negli elenchi).

Nella relazione tecnica allegata al predetto decreto del 6 aprile, si prevede che saranno emanate apposite disposizioni per i docenti che si specializzeranno con il TFA IV ciclo ma sono privi di abilitazione:

Specifiche disposizioni riguarderanno il personale in possesso del solo titolo di specializzazione all’insegnamento di sostegno, al fine di garantirne l’utilizzo prioritario sui relativi posti. Il percorso di specializzazione attualmente in corso, infatti, non prevede più, per la secondaria di primo e secondo grado, l’abilitazione quale titolo di accesso al percorso di specializzazione sul sostegno, creando dunque di fatto una platea di soggetti che, nelle more della costituzione delle specifiche graduatorie provinciali previste dal regolamento, non potrebbero trovare una corretta collocazione.

Quanto detto perché i docenti non abilitati della scuola secondaria si collocano in III fascia, per cui gli specializzati del IV ciclo non abilitati andrebbero a finire negli elenchi aggiuntivi di sostegno alla III fascia.

Anticipazioni Ministro

Il Ministro, nel corso dell’intervista rilasciata alla nostra redazione, ci ha fornito delle anticipazioni in merito alle suddette disposizioni:

  • i docenti specializzati abilitati saranno inseriti nell’elenco aggiuntivo alla II fascia (come avviene già ora);
  • i docenti specializzati non abilitati saranno inseriti in un elenco provinciale da cui attingere in subordine agli specializzati abilitati.

Ecco la risposta fornita nel corso dell’intervista:

Cosa accade a chi si è abilitato nel frattempo o prende il titolo sul sostegno?

Ci sarà una fascia aggiuntiva alla seconda per chi nel frattempo si abilita, parliamo dei laureati in Scienze della formazione primaria e di altre abilitazioni. Abbiamo già il decreto in preparazione. Inseriremo il titolo di specializzazione sul sostegno dei soggetti già inseriti in II fascia e predisporremo un elenco provinciale dei soggetti specializzati sul sostegno, ma privi di abilitazione, da cui attingere in subordine agli specializzati abilitati. Questa parte sarà informatizzata, ma sarà più semplice farlo perché è meno complessa e riguarda una platea molto più piccola rispetto a quella totale potenzialmente interessata.

Graduatorie di istituto, ecco perché era impossibile aggiornarle. Intervista al Ministro Azzolina

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: