item-thumbnail

Educazione emotiva troppo sottovalutata nella scuola. Lettera

di redazione

Inviato da – Dott. Silvia Romanelli – Psicologa. A breve inizierà un nuovo anno scolastico, il mio pensiero è rivolto agli studenti e ai loro docenti.

La mia speranza è che questo sia un anno diverso, fatto di maggiore attenzione e sensibilità riguardo ciò che mi ha spinto a scrivere queste righe, ovvero, la promozione del benessere psicologico e dell’ intelligenza emotiva nella scuola; tematica ancora troppo spesso sottovalutata, ma non per questo di minore importanza rispetto all’ istruzione scolastica data.

Gli spiacevoli episodi che vedono coinvolti i ragazzi, quali il bullismo, la dispersione scolastica, l’abuso di sostanze e ancora, gli episodi che coinvolgono i docenti, come la sindrome di Burnout, potrebbero essere evitati attraverso l’inserimento di figure di supporto specifiche, dando così, sostegno psicologico e gli strumenti necessari per fronteggiare quotidianamente eventuali problematiche.

Il mio auspicio è proprio questo, promuovere l’educazione emotiva attraverso un aiuto costante, rivolto ai ragazzi/bambini e all’equipe scolastica, invitando i dirigenti ad avvalersi degli psicologi. Riporto una citazione del Pedagogista Alexander Neill: “ l’unica buona educazione è quella che permette alle emozioni di essere libere”. In bocca al lupo per l’inizio del nuovo anno scolastico. Saluti.

Condividi: