item-thumbnail

Dopo affermazioni sul Sud, Bussetti deve dimettersi: così l’83% dei partecipanti al nostro sondaggio

di redazione

Sì alle dimissioni di Bussetti dopo l’intervista rilasciata a NANO Tv durante la quale Bussetti ha detto che i problemi della scuola del Sud non si risolvono come più fondi, ma con “l’impegno del sud”.

Il fatto

“Vi dovete impegnare forte”, ha detto il Ministro. Frase che ha scatenato l’ira dei docenti meridionali, oltre che della politica e del mondo sindacale. Lo stesso leader del Movimento 5 Stelle ha chiesto al Ministro di scusarsi con i docenti del Sud.

Il Ministro, da canto suo, ha provato a rimediare attraverso una intervista al Corriere della Sera, ricordando che “mangia in una pizzeria napoletana” e che è stato insignito anche del “premio per la calabresità italiana”.

Ha portato a Napoli la Scuola Superiore del Mezzogiorno (alla quale collaborerà anche la Normale di Pisa) e che ha lavorato per aumentare il tempo pieno a Sud (ndr. a rigor di cronaca, i 2mila posti in più a Sud per il tempo pieno si devono ad un emendamento del Parlamento presentato dal Movimento 5 Stelle).

Precisazioni del Ministro che, però, non sono bastate al “pubblico della scuola” ed infatti il sondaggio lanciato dalla nostra redazione è inesorabile: dopo le affermazioni sul Sud deve dimettersi.

Il risultato del sondaggio

I commenti

Molti anche i commenti dei nostri utenti a quanto accaduto.

Giulia commenta: Io guardo con somma ammirazione i miei colleghi del sud, per lo più pendolari visto che siamo a roma. Alzarsi alle 4 del mattino per fare più di 2 ore di viaggio verso scuola per me è impegnarsi forte. Anche troppo!

Mauro si sbilancia in una interpretazione dello scenario politico contemporaneo: Il problema è un ministro della Lega Nord che fa gli interessi del Nord oppure la gente del Sud che vuole la lega Nord al governo? Riprendetevi!!!

Per Cinzia, il punto non sono le dimissioni: Più’ che dimettersi dovrebbe chiedere scusa. Le sue parole erano piene di arroganza. Poi diamogli tempo ha molto da lavorare

Condividi: