item-thumbnail

Docenti italiani, poco rispetto per loro. A risentirne il rendimento degli alunni

di redazione

I docenti di italiano faticano più dei loro colleghi di altre materie a farsi rispettare dagli alunni. Ma anche loro hanno di che faticare.

E’ quanto scrive Repubblica.it sulla base dell’indagine del Global teacher status index, fatto grazie a 35mila intervistati tra i 16 e i 65 anni. I risultati non sono confortanti. L’Italia è terzultima (33° posto su 35 paesi) nella classifica dello status di insegnante e di rispetto da parte degli alunni. Secondo il Global teacher status index, l’Italia è davanti solo a Israele e Brasile.

Solo il 16% degli insegnanti si sente rispettato dalla classe. Il livello di scarsa considerazione del docente si riflette su quello del rendimento degli alunni.

Come rileva Repubblica, “Si tratta del sesto dato più basso tra tutti i paesi intervistati e del più basso in assoluto tra le grandi economie europee. Un dato che colloca l’Italia nel mondo molto più indietro rispetto alla Cina, dove l’81% degli intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti. E va sempre peggio. Gli italiani credono che il rispetto degli alunni per gli insegnanti sia diminuito dal 2013 quando era il 20%”.

Questo indice – ha commentato Sunny Varkey della Varkey foundation – fornisce finalmente una prova accademica a qualcosa che abbiamo sempre saputo istintivamente: il legame tra lo status degli insegnanti nella società e il rendimento dei bambini a scuola. Ora possiamo affermare senza ombra di dubbio che il rispetto degli insegnanti non è solo un importante dovere morale, ma è essenziale per i risultati scolastici di un paese“.

La fondazione organizza ogni anno il global teacher prize per ricordare l’importanza dei docenti nella costruzione del futuro del pianeta.

Condividi:

Argomenti: