item-thumbnail

Dichiarazione redditi: otto per mille potrà essere destinato a ristrutturazione scuole

di redazione

Cambia l’8 per mille, la misura della dichiarazione dei redditi che lo Stato italiano distribuisce in base alle scelte effettuate dai contribuenti.

I contribuenti potranno scegliere la destinazione dell’8 per mille di competenza statale e finalizzarlo alla ristrutturazione, alla messa in sicurezza e all’efficientamento energetico delle scuole.

Lo prevede un emendamento al dl fisco dei relatori, depositato in commissione Finanze alla Camera.

Stop anche alla deroga che permette di destinare le risorse ad altre finalità rispetto a quelle individuate dai cittadini.

“Garantire la sicurezza degli studenti e del personale che lavora nelle scuole è un obiettivo che perseguiamo mettendo tutto il nostro impegno. Per questo, l’abbiamo inserito anche nel decreto Fiscale, in particolare attraverso due emendamenti: il primo, che punta a dare l’opportunità ai cittadini di destinare l’8 per mille a interventi di ristrutturazione, messa in sicurezza ed efficientamento energetico delle scuole. Il secondo, per destinare 10 milioni all’anno, dal 2020 al 2025, a favore dell’edilizia scolastica. Ci auguriamo che entrambi vengano approvati: parliamo di interventi fondamentali a sostegno del pieno diritto allo studio e della sicurezza lavorativa, su cui è impensabile non essere d’accordo”. Così, in una nota, le deputate e i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura.
“Il nostro lavoro per la sicurezza scolastica, d’altra parte”, proseguono, “ha già dato importanti risultati: dopo aver sbloccato, con il precedente Governo, ben 7 miliardi di risorse stanziate – ma mai spese – per l’edilizia delle scuole, con la nuova maggioranza siamo già al lavoro su una proposta di legge volta a migliorare la sicurezza e velocizzare le procedure per l’assegnazione delle risorse. Stiamo dunque affrontando il tema con la massima serietà e attenzione, e il decreto Fiscale ci dà una nuova occasione per dimostrarlo e compiere ulteriori passi in avanti”, concludono i portavoce del MoVimento 5 Stelle.
Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: