item-thumbnail

Diplomati magistrale: rischio emergenza sociale, Adida e Mida sostengono presidio permanente al Miur dal 28 aprile

di redazione

ADIDA – Organizzato dal Coordinamento Diplomati Magistrali Abilitati, a partire dal 28 aprile, ore 10.00, si terrà un presidio permanente davanti al MIUR, a Viale Trastevere, per rivendicare il diritto al riconoscimento avanzato da migliaia di docenti precari della scuola primaria e dell’infanzia compromesso dopo la sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato che, dopo numerose sentenze positive, ha deciso di non confermare l’inserimento nelle Graduatorie ad Esaurimento per i diplomati magistrali.

Sebbene la sentenza riguardi soltanto i ricorrenti direttamente interessati dalla stessa, la ricaduta su tutti i ricorsi ancora pendenti rischia di causare una vera emergenza sociale, visto l’impiego dei docenti possessori di questo titolo in maniera continuativa per garantire il buon funzionamento della scuola italiana.

È assolutamente necessaria un’assunzione da parte dell’Amministrazione e del mondo politico affinché si trovi una soluzione definitiva che ponga fine alle diseguaglianze subite dalla categoria ma sembra che nessuno ancora sia in grado di delineare la strategia necessaria al superamento della Sentenza, indispensabile a garantire ai docenti la riconferma dei ruoli ed una forma che permetta a chi ancora non stabilizzato di vedersi riconosciuto il diritto alla stabilizzazione, dopo anni di precariato.

Per tutte queste ragioni, le Associazioni Adida e Mida hanno deciso di sostenere l’iniziativa attivamente, invitando tutti a partecipare a fianco di coloro che, oltre al presidio, affronteranno uno sciopero della fame per mantenere alta l’attenzione sull’annosa e incresciosa vicenda che ormai si protrae da troppo tempo.

Condividi: