item-thumbnail

Diplomati magistrale. Anief ricevuta al Miur: ha chiesto di sospendere ricorsi fino a sentenza Cassazione e riaprire le GaE

di redazione

Anief – È stata formalizzata, questa sera, la richiesta dell’Anief al Ministero dell’Istruzione sulla necessità impellente di aprire le GaE a tutto il personale docente abilitato all’insegnamento, a partire da migliaia di maestri con diploma magistrale, di cui una parte già assunti a tempo indeterminato:

fa discutere, infatti, la posizione espressa dall’Avvocatura di Stato, in linea con l’assurda sentenza n. 11 dell’Adunanza Plenaria del 20 dicembre scorso.

A fronte di tale decisione, una delegazione nazionale Anief, guidata dal suo presidente nazionale e aperta al coordinamento dei diplomati magistrale abilitati, ha chiesto ai dirigenti del Miur d’intervenire presso l’Avvocatura di Stato per acconsentire alla richiesta di sospensione dei ricorsi pendenti in attesa delle sentenza della Cassazione, della Cedu e della decisione del Parlamento Ue sul reclamo collettivo, un reclamo presentato a nome di 20 mila maestre che dal 28 aprile inizieranno lo sciopero della fame e manifesteranno per la quarta volta in cinque mesi davanti al Miur il prossimo 3 maggio a conclusione della due giorni di sciopero.

Abbiamo chiesto – ha detto Pacifico – che per la terza volta si riaprano le GaE, in modo da consentire alla giustizia di prevalere sulla burocrazia. La prima volta, nel 2008, l’operazione si giustificò ad un difetto di giurisdizione; la seconda volta, quattro anni dopo, si palesò un presunto conflitto di giudicato; oggi, chiediamo un intervento che anticipi l’esito della Cassazione, dando ragione così alle associazioni e ai sindacati che lo chiedono in modo compatto. E, a maggiore ragione, ora che anche la stessa amministrazione centrale ha espresso il desiderio di trovare una soluzione di tipo legislativo.

I dirigenti del Miur hanno spiegato che faranno valutare la richiesta formulata all’Avvocatura attraverso il proprio ufficio legislativo, fermo restando – ha concluso il sindacalista – che qualsiasi decisione non sarà comunque vincolanti per i giudici”.

Condividi:

Argomenti: