item-thumbnail

Detrazione Spese Scolastiche per più figli: guida alla compilazione del 730

di Consulente Fiscale

Detrazione Spese Scolastiche per più figli: come calcolarle e guida alla compilazione del 730. Regole per genitori divorziati

Salve, ho due figli di 13 e 16 anni. Come viene calcolata la detrazione delle spese scolastiche: il limite di 786 euro è singola o totale? Nel 730 devo fare io la somma della spesa e inserirla in un rigo unico? Di queste cose, a dire il vero, si è sempre occupato mio marito ma ora che siamo divorziati non so come muovermi

Detrazione spese scolastiche per più figli: compilazione 730

La soglia massima di detrazione viene considerata per le spese sostenute per ogni alunno o studente.

Lo spazio riservato a detrazioni e deduzioni è il “quadro E”, nello specifico delle detrazioni scolastiche i righi da E8 a E10.  Ecco i dati da inserire nelle colonne del quadro E:

  • nella colonna 1 il codice “12” che serve ad identificare le spese relative all’istruzione dei figli o dei familiari a carico;
  • nella colonna 2 i relativi costi sostenuti.

Qualora tali spese siano state sostenute per più di un alunno o più di uno studente, occorrerà compilare più righi da E8 a E10 riportando in ognuno di essi il codice 12 e specificando la spesa sostenuta con riferimento a ciascun figlio.

Figli di genitori separati: quali regole per le detrazioni

Nel caso di separazione o divorzio, la regola generale prevede che la detrazione spetti al 100% al genitore affidatario in via esclusiva oppure al 50% nell’ipotesi di affido condiviso. La distribuzione, quindi, è indipendente dai tempi di permanenza del figlio presso il papà o la mamma.

Ci sono però casi specifici in cui la detrazione per i figli a carico spetta solo a uno dei due genitori:

a) se l’altro non ha un reddito sufficiente per poterne godere;

b) se le parti si accordano tra loro affinché la detrazione spetti solo a chi di essi abbia il reddito più elevato (in questo caso, il genitore che usufruisce dello sconto fiscale si impegna a corrispondere all’altro il 50% di quanto risparmiato a meno che dall’accordo non risulti in maniera esplicita una dispensa dall’onere di restituzione).

Per approfondire:

L’educazione parentale è inclusa nelle voci di spesa detraibili?

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: