item-thumbnail

Decreto “Dignità”, presto emendamenti Anief su riforma Buona Scuola e per aprire le GaE a tutto il personale abilitato

di redazione

comunicato Anief – È giunto da poche ore in Gazzetta Ufficiale il decreto “Dignità” 12 luglio 2018, n. 87, sulle “Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese”, contenente all’articolo 4 il “Differimento del termine di esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali in tema di diplomati magistrale”, le cui sentenze verranno quindi “eseguite entro 120 giorni decorrenti dalla data di comunicazione del provvedimento giurisdizionale al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”.

Con questo provvedimento, il Governo ha lasciato dunque libero il Parlamento per la decisione di individuare le soluzioni più idonee per risolvere il problema del precariato inserito nel Capitolo I del provvedimento d’urgenza. Di fatto, con l’articolo 4, si dà indicazione al Miur di poter soprassedere all’applicazione delle possibili sentenze negative emesse sul caso dei diplomati magistrale a seguito dell’adunanza plenaria, emessa dal Consiglio di Stato lo scorso 20 dicembre.

A questo proposito, Anief torna ad esortare l’invio di repentine indicazioni, da parte dell’amministrazione centrale, rivolte agli Uffici Scolastici Regionali per evitare nuovi depennamenti prima della conversione in legge o un’applicazione diversificata della disposizione di “congelamento” delle sentenze fissate dal Consiglio dei ministri. Allo stesso tempo, l’organizzazione sindacale si rivolge ai parlamentari perché approvino una norma, sempre nel decreto “Dignità”, che permetta finalmente di aprire le GaE a tutto il personale docente abilitato.

Nel frattempo, il giovane sindacato non sta di certo a guardare: dopo avere ottenuto un’importante Risoluzione del Parlamento Europeo sul precariato, la 242 del 31 maggio scorso, ha visto ammessi due reclami collettivi al Consiglio d’Europa sui precari della scuole e sui diplomati magistrale e ha presentato ricorsi alla Cedu e alla Corte di Cassazione per l’annullamento per eccesso di giurisdizione della sentenza amministrativa denunciata.

“Anief – annuncia il suo presidente nazionale Marcello Pacifico – presenterà, durante le prossime audizioni parlamentari, una proposta organica emendativa di diversi parti della Legge 107/15 – che anche il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ha oggi dichiarato di voler cambiare – ritenuti illegittimi e irragionevoli che riguarderanno complessivamente la riorganizzazione del sistema di reclutamento della docenza, del personale Ata, dimenticato dalla Buona Scuola, e dei dirigenti scolastici, costretti a 2mila reggenze, nonché dei Dsga per i quali non si realizza un concorso pubblico da quasi 20 anni”.

“A seguito del Consiglio nazionale della prossima settimana, in programma a Palermo, saranno comunicate le proposte di Anief che riguarderanno anche il Jobs Act, nelle parti in cui continuano a precarizzare e a mal pagare il lavoro di milioni di cittadini italiani anziché procedere verso un adeguamento del loro diritto al compenso equo e dignitoso, nonché – conclude il sindacalista autonomo – alla loro progressiva stabilizzazione”.

Condividi:

Argomenti: