item-thumbnail

Pensione Quota 100 e TFR, come faranno le imprese a liquidarlo?

di Consulente Fiscale

Pensione Quota 100 con 62 anni di età e e38 anni di contributi, preoccupazioni degli imprenditori per la liquidazione del TFR e non solo.

È stato calcolato quanto questa misura comporti gettito, per le aziende ed il pubblico, per pagare le liquidazioni? Di questo non ne parla nessuno, io però conosco imprenditori che hanno 10/15 lavoratori in queste condizioni ed al momento mi dicono non sanno come fare per poter dare loro la liquidazione…..anche se mi verrà detto che il TFR dovrebbe essere accantonato ma siamo realisti….. ciò non avviene nella stragrande maggioranza dei casi……

 

La Quota 100 desta preoccupazione tra gli imprenditori, che non hanno preso bene la notizia. Come il nostro lettore che evidenzia le difficoltà delle imprese che si troveranno a dover pagare ingenti capitali per il TFR dei dipendenti.

Un altro aspetto, che è stato evidenziato, è il cambio generazionale tanto acclamato e che con questa misura, dovrebbe dimezzare o addirittura eliminare la disoccupazione.

Il problema delle aziende è dover gestire questo cambio,  si troveranno con giovani senza esperienza e con grosse difficoltà.

Le ultime novità sulla Quota 100 aprono una nuova ipotesi molto preoccupante. Con la modifica della riforma Fornero, allo studio attualmente al governo, potrebbe tornare il divieto di cumulo tra pensione e redditi da lavoro, che era stato cancellato nel 2009.

I lavoratori che lasceranno il lavoro con la Quota 100, che prevede il requisito di 62 anni di età e 38 anni di contributi, potrebbe essere vietato intraprendere un’attività lavorativa, anche da dipendente per arrotondare la pensione.

I tecnici stanno studiando se il divieto di cumulo sarà assoluto o ci sarà un meccanismo di penalizzazione, insomma si ritorna alle vecchie normative.

Secondo gli studiosi, il divieto di cumulo è un passaggio importante per attuare la riforma pensioni. Questo progetto così ideato darebbe più spazio ai giovani, assicurando un cambio dei posti di lavoro.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Condividi: