item-thumbnail

Pensione anticipata Opzione donna dal 2019, senza penalizzazione

di Consulente Fiscale

Riforma pensione, la proroga Opzione donna con quali requisiti verrà considerata? Sarà senza penalizzazioni? Le ultime novità.

Ho 56 anni e 36 di contributi il prossimo anno potrei accedere all’opzione donna? Senza penalizzazioni.

 

Con l’abolizione della legge Fornero dal 2019, prevista nella Riforma pensione da inserire nella legge di Bilancio 2019, che consentirà a circa 500 mila persone di lasciare in anticipo il posto di lavoro.

Dal 2019, come promesso nel contratto di Governo a firma di Salvini e Di Maio, la legge Fornero sarà modificata eliminando l’aumento dell’aspettativa di vita. La manovra rinominata anche una “Manovra di lacrime e sangue” per combattere la crisi, fece e fa ancora piangere moltissimi lavoratori.

Il governo, sta studiando il superamento della legge Fornero dal 2019, per la la Quota 100, estendendolo anche alla Quota 41 e  probabilmente anche alla proroga Opzione donna.

I nuovi requisiti sono ancora un’incognita, secondo le ultime indiscrezioni, si parla di una proroga Opzione donna con il raggiungimento dei requisiti contributi e anagrafici fino al 31 dicembre 2019. Se la misura verrà accettata, aumenterà la platea degli aventi diritto, includendo anche le lavoratrici nate nel 1961-1962.

Quindi, lei dovrebbe rientrare nella nuova proroga con 57 anni di età e 35 anni di contributi.

I requisiti effettivi, non si conoscono, le indiscrezioni, parlano di una proroga senza penalizzazioni, non è stato chiarito quale tipo di penalizzazioni non verrà applicata, quindi non possiamo formulare una risposta concreta.

Se la misura rimane invariata, con gli stessi requisiti del 2018, nel requisito contributivo dei 35 anni richiesti, non contano gli accrediti figurativi per malattia e disoccupazione. Inoltre l’assegno pensionistico è calcolato con il sistema contributivo, che risulta penalizzante di circa il 30%.

Queste sono solo ipotesi, tutto può cambiare, per avere certezze bisogna attendere, che la misura sia ufficiale.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Condividi: