item-thumbnail

In pensione con 44 anni di contributi: quando la buonuscita?

di Consulente Fiscale

La buonuscita, o TFR, entro quanto tempo deve essere corrisposta al lavoratore che va in pensione? Varia tra pubblico e privato.

Buongiorno,

Al 31 agosto 2019 maturerò 44 anni di contributi e 64 di età (ne compirò 65 nel novembre 2019).
Posso andare in pensione? Quando mi sarà erogata la buonuscita?
Certamente si può accedere alla pensione nel 2019, avrebbe potuto accedere  già al 31 agosto 2018 poichè con 43 anni di contributi potevano largamente accedere alla pensione anticipata che, nel 2018, richiede 42 anni e 10 mesi  di contributi per gli uomini.

Liquidazione buonuscita, quando?

Non specifica se è dipendente pubblico o privato e quindi le esporrò come viene liquidato il trattamento di fine rapporto il entrambi i casi,

Per i dipendenti pubblici a partire dal 1 gennaio 2014 l’indennità di fine servizio viene corrisposta come segue:
in unica soluzione, se l’ammontare complessivo lordo è pari o inferiore a 50.000 euro;
in due rate annuali, se l’ammontare complessivo lordo è superiore a 50.000 euro e inferiore a 100.000 euro (la prima rata è pari a 50.000 euro e la seconda è pari all’importo residuo);
in tre rate annuali, se l’ammontare complessivo lordo è superiore a 100.000 euro. In questo caso la prima e la seconda rata sono pari a 50.000 euro e la terza è pari alla importo residuo. La seconda e la terza somma saranno pagate rispettivamente dopo 12 e 24 mesi dalla decorrenza del diritto al pagamento della prima.
Dal 1 gennaio 2018 l’attesa per la liquidazione del TFR è di 12 mesi se si accede a una prestazione pensionistica senza penalizzazione (come nel suo caso) e di 24 mesi se il trattamento pensionistico prevede penalizzazioni.

Per i dipendenti privati il datore di lavoro è tenuto a versare il TFR al dipendente non più tradi di quando previsto dal contratto collettivo nazionale. Se il contratto collettivo non indica termini entro quando il TFR va versato il credito può esigere la somma immediatamente.
Le prassi aziendali, in ogni caso, prevedono la corresponsione del TFR tendenzialmente entro i 15 giorni del mese successivo a quello della cessazione del rapporto di lavoro.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Condividi: