item-thumbnail

Bollo auto non pagato, è possibile la rateizzazione?

di Consulente Fiscale

Bollo auto non pagato, è possibile pagarlo a rate se si hanno difficoltà economiche? Vediamo cosa stabilisce la normativa e come inviare la domanda (modulo)

Buongiorno, ho bisogno di un’informazione. Mi è arrivata una lettera dall’agenzia delle entrate con l’importo a debito del bollo auto non pagato. Tengo a specificare, e non voglio che sembri una scusa, ma non avendo più un lavoro fisso né io né mio marito non siamo più riusciti a pagare. L’importo è di 589 €. Viene specificato che mi metteranno il fermo amministrativo se non pago. Io non dispongo di questa cifra al momento. La mia domanda è non potrei chiedere una rateizzazione? Magari di 50€-100€ al mese? Viviamo in un paesino sperduto dove la macchina è essenziale altrimenti non ti puoi muovere. Con una bambina piccola non posso rimanere senza macchina. Grazie in anticipo

 

È possibile pagare a rate il debito quando è pervenuta una cartella esattoriale di pagamento. L’Agenzia delle Entrate Riscossione permette di dilazionare il pagamento in più rate, inviando la richiesta con raccomandata oppure presentandola ad uno degli sportelli competenti per territorio.

Se si pagano le rate regolarmente non si è considerati inadempienti verso gli enti creditori e l’Agenzia delle entrate-Riscossione non iscrive fermi o ipoteche, né attiva qualsiasi altra procedura di riscossione. Inoltre, ad avvenuto pagamento della prima rata del piano di rateizzazione, si può richiedere all’Agente della riscossione la sospensione dell’eventuale provvedimento di fermo già iscritto, al fine di poter circolare con il veicolo interessato.

L’Agente della riscossione rilascerà un documento con il proprio consenso all’annotazione della sospensione del fermo, che bisognerà presentare direttamente al PRA.

Bollo auto e piano ordinario fino a 72 rate

La legge (art. 19, DPR n. 602/73) prevede che si possono pagare a rate (fino a 6 anni, 72 rate mensili) le somme indicate in cartella, bisogna presentare una richiesta di dilazione in cui si dichiara di “versare in temporanea situazione di obiettiva difficoltà”.

L’importo minimo di ogni rata è pari a 50 euro. Puoi chiedere rate costanti, ma anche variabili e crescenti.

Come fare la richiesta e pagare

Per debiti fino a 60 mila euro si può ottenere con facilità un piano fino a 72 rate. Tramite il portare www.agenziaentrateriscossione.gov.it, è possibile scaricare l’App dell’Agenzia delle entrate-Riscossione, Equiclick (per smartphone e tablet), e procedere con la rateizzazione.

Se non si ha molta dimestichezza con le varie applicazioni, è possibile compilare e presentare agli sportelli dell’Agenzia delle Entrate del territorio, il modulo scaricabile qui: R1_Modulo di rateizzazione fino a 60.000 euro e inviarlo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Inoltre, se la domanda di rateizzazione viene presentata entro 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, si paga n misura ridotta gli oneri di riscossione ed evita l’attivazione delle procedure di recupero.

Conclusioni

Se la lettera che le è pervenuta è una cartella esattoriale, può chiedere il pagamento rateizzato, pagando una rata di 50 euro al mese, fino ad estinzione del debito.  Segua le istruzioni che le ho indicato, se non riesce a farlo telematicamente, può scaricare il modulo R1, compilarlo e presentarlo all’Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), oppure inviare una raccomandata a:

  • Agenzia delle entrate-Riscossione – Struttura a supporto del Responsabile della protezione dei dati, via Giuseppe Grezar, 14 – 00142 Roma

L’agenzia le accetterà la dilazione e le invierà una comunicazione con i bollettini RAV da pagare.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Condividi: