item-thumbnail

730 integrativo 2018, per correggere gli errori, invio entro il 25 ottobre

di Consulente Fiscale

Modello 730 integrativo 2018, per correggere gli errori e le omissioni nel 730, tutte le indicazioni, quali errori si possono correggere e la scadenza.

Buongiorno, ho mancato alcune spese nel modello 730, come posso correggere gli errori. Ho fatto il 730 precompilato. Grazie

Analizziamo nel dettaglio quando e come è possibile corregere i dati inseriti nel modello 730, in base alle indicazioni dell’Agenzia delle entrate, che dispone a seconda dell’errore o omissioni, tre categorie di 730 integrativo: tipo 1, tipo 2, tipo 3.

Modello 730: come correggere gli errori o omissioni

Quando il modello è stato compilato in modo corretto, ma il contribuente si è accorto di aver dimenticato di esporre degli oneri deducibili o detraibili, c’è la possibilità di:

  • presentare entro il 25 ottobre un modello 730 integrativo. Deve essere presentato a un intermediario (Caf, professionista), anche se il modello precedente era stato presentato al datore di lavoro o all’ente pensionistico o era stato presentato direttamente tramite il sito internet dell’Agenzia delle Entrate;
  • presentare, in alternativa, un modello REDDITI Persone fisiche entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta successivo.

Se, invece, il contribuente si è accorto di aver dimenticato di dichiarare dei redditi oppure ha indicato oneri deducibili o detraibili in misura superiore a quella spettante, deve presentare obbligatoriamente un modello REDDITI Persone fisiche e pagare direttamente le somme dovute, compresa la differenza rispetto all’importo del credito risultante dal modello 730, che verrà comunque rimborsato dal sostituto d’imposta.

Modello 730 integrativo 2018: tre casistiche di riferimento

Sulla base delle specifiche ministeriali di riferimento, sono individuabili tre casistiche per le quali è consentita la presentazione del modello 730 integrativo.

Modello 730 integrativo a favore (tipo 1)

Per errori od omissioni la cui correzione comporta un maggior rimborso, un minor debito ovvero l’invarianza contabile rispetto al 730 originario.
In nessun caso, con la dichiarazione integrativa, è prevista la sospensione delle operazioni di conguaglio rispetto al modello ordinario (importi a credito o importi a debito, compresi gli acconti).

Conguaglio

Il CAF Centrale invia al sostituto d’imposta il 730-4 integrativo entro il 10 novembre ed il conguaglio del maggior credito/minor debito che scaturisce dalla riliquidazione delle imposte sarà effettuato sulla retribuzione erogata nel mese di dicembre.

Modello 730 integrativo per la correzione dei dati del sostituto d’imposta (tipo 2)

La modifica o l’integrazione riguardano esclusivamente i dati del sostituto d’imposta, non correttamente identificato nel 730 originario. La variazione deve essere effettuata dal medesimo soggetto che ha prestato assistenza fiscale per la presentazione del modello ordinario. Non è contemplata la possibilità di gestire integrativi del modello 730 integrativo a favore, per 730 originari senza sostituto d’imposta.

Conguaglio

Il CAF Centrale elabora e spedisce tempestivamente al nuovo sostituto d’imposta il 730-4 ed il conguaglio verrà effettuato nella prima mensilità utile.

Modello 730 integrativo a favore con correzione dei dati del sostituto d’imposta (tipo 3)

Per errori od omissioni la cui correzione comporta un maggior rimborso, un minor debito ovvero un’imposta pari a quella derivante dal 730 originario, ma il risultato contabile non è mai stato conguagliato dal sostituto d’imposta in quanto non identificato correttamente nella dichiarazione ordinaria. La modifica deve essere effettuata dal medesimo soggetto che ha prestato assistenza fiscale per la presentazione del modello ordinario. Non è consentito gestire modelli 730 integrativi per correzione dei dati del sostituto d’imposta, per 730 originari senza sostituto d’imposta.

Conguaglio

Il CAF Centrale elabora e spedisce tempestivamente al nuovo sostituto d’imposta il 730-4 ed il conguaglio verrà effettuato nella prima mensilità utile.

Minor rimborso o maggior debito: l’integrazione deve avvenire mediante la presentazione del modello Redditi 2018 (correttivo nei termini o integrativo), provvedendo direttamente al versamento delle somme dovute tramite delega F24.

Modello 730 precompilato ADE

Il CAF non può elaborare un integrativo di Tipo 2 e 3 se il modello 730 originario è stato presentato da altro CAF o Professionista mentre può gestirlo nel caso in cui la dichiarazione ordinaria sia stata presentata autonomamente dal contribuente per il tramite dei servizi telematici Ade.

Eventuali richieste di compilazione di modelli integrativi di Tipo 2 e 3 per contribuenti che hanno presentato direttamente la propria dichiarazione per il tramite dei servizi web dell’Ade potranno essere gestite esclusivamente con il supporto del CAF Centrale, previo l’invio della seguente documentazione:

  • Copia del modello 730 presentato direttamente dal contribuente tramite l’Ade e relativa ricevuta ministeriale di ricezione telematica;
  • Copia della tessera sanitaria di tutti i componenti del nucleo familiare;
  • Copia del documento di identità in corso di validità del dichiarante e dell’eventuale coniuge dichiarante (in caso di dichiarazione congiunta);
  • Copia di tutta la documentazione necessaria per l’elaborazione del modello e per la conseguente apposizione del visto di conformità.

Termine per la presentazione

I modelli 730/2018 integrativi potranno essere inviati fino alle ore 24.00 del prossimo 25 ottobre.

Conclusione

Si deve rivolgere ad un CAF e rettificare il 730 originario con il 730 integrativo.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Condividi: