item-thumbnail

Concorso straordinario diplomati magistrale e SFP: 12mila i docenti. Per gli altri concorso ordinario

di redazione

Durante l’esame del Decreto Dignità è stato approvato ieri un emendamento della maggioranza relativo alla problematica dei diplomati magistrale esclusi dalle GaE dopo la sentenza dell’Adunanza Plenaria del 20 dicembre 2017, che coinvolge anche i laureati in Scienze della formazione primaria.

Concorso straordinario: requisiti di accesso

L’emendamento prevede un concorso straordinario riservato ai docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02 e ai laureati in Scienze della formazione primaria che possano vantare due annualità di servizio specifiche negli ultimi otto anni. Ci saranno distinte procedure per posto comune e sostegno.

I numeri

Si tratta, spiega Luigi Gallo presidente della Commissione Istruzione alla Camera, di “12mila posti aggiuntivi per l’infanzia e la scuola primaria rivolti ai diplomati magistrali e ai laureati in scienze della formazione  con questa selezione straordinaria e che risponda ai pasticci del passato con il blocco dei licenziamenti di 7000 persone”

Nel concorso straordinario potranno rientrare dunque – nelle previsioni di chi ha proposto il testo – quei docenti diplomati magistrale già assunti in ruolo con riserva dalle GaE che nell’a.s. 2018/19 prenderanno servizio regolarmente per non compromettere l’avvio dell’anno scolastico, ma quando riceveranno la sentenza di merito e l’ufficio scolastico predisporrà la rescissione del contratto (entro 120 giorni) subiranno la revoca del contratto a tempo indeterminato e la trasformazione dell’incarico in supplenza al 30 giugno 2019.

Concorso non selettivo

Il concorso straordinario – spiega

Mario Pittoni, responsabile Istruzione della Lega e Presidente della VII Commissione cultura al Senato – non sarà selettivo.

Consisterà nell’espletamento di una prova orale di natura didattico – metodologica e la graduatoria sarà formata valutando la prova svolta e i titoli presentati, tra i quali il servizio avrà ampio spazio.

Concorso ordinario

L’emendamento approvato contiene anche la previsione di un concorso ordinario per titoli ed esami, da bandire con cadenza biennale.

I tempi

Nell’emendamento non vengono indicati. La previsione potrebbe essere quella di avere le graduatorie del concorso straordinario in tempo per l’a.s. 2019/20, ma i tempi per tutti i passaggi prima di arrivare al bando vero e proprio per presentare la domanda sono ancora numerosi.

Fuori da ogni previsione invece al momento l’organizzazione del concorso ordinario.

Scarica emendamento  approvato

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: