item-thumbnail

Concorso straordinario, consigliere Puglia: no a disparità docenti paritarie

di redazione

In una nota pubblicata dal Consiglio Regionale della Puglia sul prossimo concorso straordinario, il consigliere Enzo Colonna scrive: “No alla disparità di trattamento per i docenti degli istituti paritari e per quelli del progetto diritti a scuola/tutto a scuola”.

Il contenuto dell’intesa recentemente sottoscritta tra il MIUR e le Organizzazioni sindacali del comparto istruzione e ricerca, riguardante il percorso da porre in essere nei prossimi mesi per giungere alla stabilizzazione del personale precario della scuola, rischia di introdurre una inaccettabile disparità di trattamento tra docenti” si legge nella nota.

L’intesa, infatti, prevede l’indizione, entro la fine dell’anno, di un concorso straordinario per assumere 24.000 insegnanti nella scuola secondaria, di primo e di secondo grado, con una procedura riservata solo a chi abbia almeno tre anni di anzianità pregressa nelle scuole statali. In questo modo, si esclude dalla possibilità di accedere a questo concorso tutti quei docenti precari che da anni svolgono la loro attività presso le scuole paritarie, in violazione della loro equiparazione a quelle statali sancita dalla legge 10 marzo 2000, n. 62” prosegue Colonna, che invita l’assessore regionale all’Istruzione, Sebastiano Leo, a intervenire durante la conferenza Stato- Regioni per fare in modo che i docenti precari pugliesi, sia delle scuole paritarie sia del progetto “Diritti a Scuola” e “Tutto a Scuola” possano partecipare al concorso straordinario.

Qui il testo approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 10 ottobre, contenente numerosi provvedimenti tra cui appunto un concorso straordinario secondaria entro il 2019 e uno ordinario.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: