item-thumbnail

Concorso Dsga: pubblicate le istruzioni per le prove scritte del 5 e 6 novembre

di redazione

Sono state diffuse dal Miur le istruzioni per i candidati relative alle prove scritte del 5 e 6 novembre 2019 del concorso Dsga.

Le prove si svolgeranno nelle sedi individuate dagli Uffici scolastici regionali e pubblicate sul sito internet del Ministero e degli Usr.

Come indicato dal Miur, le operazioni di identificazione (tramite documento di riconoscimento in corso di validità e codice fiscale) dei candidati avranno inizio dalle ore 08:00.

La mancata presentazione nel giorno, ora e sede stabiliti, a qualsiasi causa dovuta, comporterà l’esclusione dal concorso. Al momento dell’identificazione si procederà altresì alla verifica dell’ammissibilità dei testi normativi previsti dal bando di concorso. Le commissioni esaminatrici ed i comitati di vigilanza possono procedere al controllo dei codici e
dei testi ammessi in ogni momento della procedura sino alla conclusione delle prove concorsuali. È vietato introdurre in sede di esame cellulari, palmari, smartphone, smartwatch, tablet, fotocamere/videocamere e ogni strumento idoneo alla memorizzazione di informazioni o alla trasmissione di dati.

Le prove scritte avranno inizio alle ore 10:00 simultaneamente in tutte le sedi d’esame.

Come si svolgeranno le prove

Le prove scritte si svolgeranno in formato analogico e consisteranno in:

  • una prova costituita da sei domande a risposta aperta, volta a verificare la preparazione dei candidati sugli argomenti di cui all’allegato B del decreto ministeriale del 18 dicembre 2018, prot. n. 863.
  • una prova teorico-pratica, consistente nella risoluzione di un caso concreto attraverso la redazione di un atto su un argomento di cui all’allegato B del decreto ministeriale del 18 dicembre
    2018, prot. n. 863.

La durata di ciascuna delle prove è pari a 180 minuti.

La commissione assegna alle prove scritte un punteggio massimo di 30 punti ciascuna.

Avviso istruzioni Miur

Gli Usr stanno pubblicando gli avvisi con le sedi delle prove scritte.

Valutazione

Il Miur ha pubblicato anche le griglie di valutazione delle prove scritte e della prova orale.

Prima prova scritta: è volta a verificare la preparazione dei candidati sugli argomenti di cui all’allegato B del Decreto ministeriale n. 863 del 18 dicembre 2018. La Commissione assegna alla prova scritta un punteggio massimo di 30 punti. Per ciascuno dei sei quesiti a risposta aperta il punteggio è compreso tra zero e 5, con progressione per multiplo intero di 0,5. Nel caso in cui il candidato riporti un punteggio inferiore a 21 punti, la Commissione non procede alla correzione della prova teorico-pratica.

Seconda prova scritta: teorico-pratica, consiste nella risoluzione di un caso concreto attraverso la redazione di un atto su un argomento di cui all’allegato B del Decreto ministeriale n. 863 del 18 dicembre 2018. La Commissione assegna un punteggio compreso tra zero e 30 punti.

Il punteggio della prova scritta è dato dalla media aritmetica dei punteggi conseguiti in ciascuna delle due prove scritte.

Prova orale: verifica la preparazione professionale del candidato sulle materie dell’allegato B del bando e la capacità di risolvere un caso riguardante la funzione di Dsga, la conoscenza della lingua inglese, la conoscenza degli strumenti informatici e delle tecnologie della comunicazione. La Commissione assegna a tale prova un punteggio massimo di 30 punti. La prova sarà ritenuta superata con un punteggio non inferiore a 21 punti.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: