item-thumbnail

Concorso Dirigenti Scolastici, strategie per prepararsi alla prova scritta. Lettera

di redazione

A. Rivelli – Dopo la preselettiva e la simulazione oggettiva che ha introdotto quasi tutti i candidati alla prova scritta, grazie al numero ridotto di candidati che non si sono presentati alla preselettiva, a ottobre è prevista la prova scritta.

Come sanno anche i bambini, la migliore strategia è studiare, studiare, studiare , coniugando questo verbo in tutti i tempi e in tutti i modi . Non in senso grammaticale si capisce …in questo caso , sapere “ cose” non basta, soprattutto per lo scritto, contano solo le modalità di saperle metterle in fila in una sequenza non solo ordinata ma anche retoricamente efficace.

La prova scritta si articola in cinque quesiti a riposta aperta che hanno dei vincoli fortissimi per quanto riguarda gli oggetti da trattare ; tutti i candidati vi si debbano attenere. In linea retorica tutti dovrebbero descivere i medesimi argomenti, quello che non vi si attiene, non è valutabile e escluso dal concorso.

Ciò che conta sono le cose da metterci dentro, la loro elaborazione mentale (prima) e la loro presentazione efficace (dopo) a cominciare dall’incipit che è il biglietto da visita del candidato.

In questa fase delicata si presuppone non una conoscenza nozionistica dell’argomento ma, la padronanza assoluta dell’argomento, il cuore duro intorno a cui tessere il filo del discorso, costruire ogni ragionamento e argomentare, la misura della propria adesione ( o del proprio distacco critico).

E poi due quesiti a riposta chiusa volte a verificare la comprensione del testo in lingua prescelta tra inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Che dire… a coloro che non hanno superato la preselettiva di continuare a studiare e di essere ottimisti in quanto hanno conoscenze e competenze da non sottovalutare… a coloro che vanno allo prova scritta di essere consapevoli di trovare la chiave giusta per sapersi presentare sin dall’inizio del quesito ma la stessa chiave è attrettanto fondamentale per chiudere un discorso.

Condividi: